Corsair Hydro H110i GT - raffreddamento ad acqua AiO nel test

Oggi concludiamo il nostro piccolo riepilogo sul raffreddamento ad acqua all-in-one per CPU con Corsair Hydro H110i GT. L'H110i GT è il figlio Corsair più giovane in questo segmento e allo stesso tempo l'ammiraglia del produttore e mira a fornire le migliori prestazioni di raffreddamento con il miglior rumore di fondo possibile. Il nostro test di oggi chiarirà se questo avrà successo.

Intro

Da dodici anni (Attenzione: retrò! 😉) Corsair è in viaggio nel segmento del raffreddamento ad acqua all-in-one per CPU e ha molta esperienza in questo periodo. Mentre Hydrocool 200 del produttore ricorda più gli inizi dei primi telefoni cellulari, gli sviluppi in questo segmento sono ovviamente cambiati, perfezionati e alla fine migliorati. Certo, le dimensioni di uno smartphone non sono ancora state raggiunte, ma i produttori di smartphone lo cambieranno sicuramente nei prossimi anni.

Ma scherzo a parte. Con l'Hydro H110i GT, Corsair sta sostituendo il suo predecessore, l'H100, che ha avuto un discreto successo. L'H110i GT è dotato di un radiatore a doppia ventola che può contenere due ventole da 140 mm. Ovviamente giochi nell'area di fascia alta del raffreddamento ad acqua AiO.

Il controllo della ventola non è lasciato alla scheda madre, ma il controllo PWM è integrato nell'unità di raffreddamento e lo collega al proprio software, che offre una serie di opzioni tramite la porta USB integrata.

Tuttavia, la concorrenza sul mercato è cresciuta parecchio e quindi il produttore deve dimostrare dove puoi posizionarti con il tuo prodotto contro la forte concorrenza. Il nostro test chiarisce tutte le domande.

Dispositivo di raffreddamento dei segnalibri (CPU): Know-how

Ambiente di test

Hardware

Candidati alla prova:

  • Corsair Hydro H110i GT

Dispositivo di raffreddamento di riferimento in fase di test

Di recente abbiamo avuto il nostro nuovo banco di prova nel nostro Articolo sul riavvio del dispositivo di raffreddamento della CPU regali. Per mettere alla prova il nuovo banco di prova, abbiamo utilizzato un totale di 14 refrigeratori di diversi design. Esistono modelli più piccoli e più grandi, sia più giovani che più vecchi. Ma i vecchi rappresentanti sono ancora disponibili sul mercato e possono dimostrare come si è sviluppato il segmento dei refrigeratori negli ultimi anni.

Naturalmente, ti mancherà sempre l'uno o l'altro preferito. Sfortunatamente, non possiamo eliminare questo fatto dalla nostra considerazione. Non appena le opzioni e le camere sono disponibili, completiamo la lista di confronto. Ma il portafoglio selezionato dovrebbe effettivamente essere in grado di offrire a tutti una base di valutazione.

Componenti hardware:

La scelta dei suddetti componenti è stata fatta con cura. Oltre al fatto che il file Scheda MSI serie gaming Quando si tratta di una scheda madre entusiasta che lascia poco a desiderare nell'elenco delle funzionalità, c'erano altri due motivi principali per la nostra decisione. Da un lato, dopo varie esecuzioni di test, ha mostrato che ha fatto esattamente quello che gli avevamo chiesto di fare: voltaggi e frequenze di clock o spazio sufficiente nell'area del socket e spazio per lo slot PCI Express in modo da poter utilizzare anche dispositivi di raffreddamento espansivi. Più avanti nel test arriveremo all'area di esclusione del socket delle parole chiave.

Abbiamo lasciato la curva di controllo della ventola - preimpostata nel BIOS - nello stato di consegna. Questo vale per il comportamento della velocità e il volume mostrato in seguito.

Anche la scelta della meno spettacolare memoria Kingston DDR3 è stata fatta per due motivi. Da un lato, le fasi di test hanno dimostrato che funziona in modo assolutamente stabile con la scheda madre, dall'altro la memoria viene fornita con dissipatori di calore piatti, in modo da correre meno il rischio che un dispositivo di raffreddamento della CPU gonfio si scontri con gli dissipatori di calore sporgenti. Oh sì: visivamente, anche la serie Grey di Kingston si adattava molto meglio.

Per il vero cuore del test, abbiamo scelto il già citato processore Core i5, che si trova ancora in una fascia di prezzo accessibile ed è quindi probabile che sia più ampiamente utilizzato rispetto ai modelli i7 più costosi o anche a quelli per la piattaforma Socket 2011.

Contrariamente ad alcune istruzioni in rete riguardanti l'overclock dei nuovi processori Haswell, abbiamo preso una strada diversa e più semplice. Overclocciamo la CPU al massimo al turbo clock e aumentiamo il moltiplicatore lì. Affinché sia ​​garantito un sufficiente sviluppo della temperatura e le frequenze di clock siano mantenute stabili, aumentiamo la tensione del core puro a 1,3 volt e allo stesso tempo impostiamo i limiti di potenza (lunga durata e lenta durata) rispettivamente a 155 e 165 watt. In questo modo, ci assicuriamo che la velocità del turbo non scenda se c'è un raffreddamento sufficiente, e allo stesso tempo che si riduca quando il raffreddatore non è più abbastanza potente. Piuttosto, con questo approccio, ci assicuriamo di produrre un consumo energetico di oltre 125 watt e quindi ovviamente di raggiungere le corrispondenti regioni di temperatura in cui i refrigeratori di prova possono dimostrarsi.

Altro hardware:

  • Alimentazione: silenzio! Potenza in linea 680 watt
  • Hard disk: Seagate Barracuda 7200.10 SATA da 500 GB
  • guidare: Masterizzatore DVD USB Samsung modello SE-S084
  • alloggiamento: Cooler Master LAB (da banco)

Un'ultima parola vale per il nostro banco di prova aperto. Poiché non esiste praticamente alcun case per PC che possa essere in alcun modo rappresentativo dell'utente domestico, ci affidiamo a un banco di prova aperto. A seconda dell'alloggio utilizzato in casa, questo può essere un vantaggio o uno svantaggio. Con una ventilazione del case ben congegnata, alcuni refrigeratori dovrebbero mostrarsi meglio in termini di comportamento acustico, in concetti medi probabilmente al livello del banco di prova aperto e in casi scarsamente ventilati con evidenti svantaggi. Ma questo, a sua volta, dipende tutto da molti fattori, e poiché è così, vediamo un modo ragionevole e riproducibile di eseguire questi test con il nostro banco di prova.

Tuttavia, al momento possiamo attestare che con l'hardware utilizzato, le temperature vengono solitamente spinte in quelle aree in cui le ventole devono raggiungere i loro limiti. Solo i casi accuratamente ventilati potrebbero ottimizzare il comportamento di raffreddamento qui.

Software e procedure di test

    • Windows 7 a 32 bit - SP1 inclusi tutti gli aggiornamenti fino a febbraio 2014
    • Driver NVIDIA GeForce / ION versione 314.07 WHQL
    • DirectX a partire da giugno 2010

Strumenti

  • AIDA Extreme
  • Core2MaxPerf
  • CoreTemp
  • LinX
  • TES V: Skyrim

Oltre a importanti cambiamenti nell'hardware, abbiamo anche apportato modifiche fondamentali al software e alla determinazione delle temperature interne della CPU.

Condizioni di carico:

Abbiamo ora deciso di lavorare con un totale di quattro invece di tre scenari, che - a parte il funzionamento senza carico - rappresentano gli scenari peggiori per la CPU.

I tempi di caricamento applicati sono di 15 minuti in idle e in LinX e gli ultimi 60 secondi sono mediati su tutti i valori. L'assorbimento del carico con Skyrim e Core2MaxPerf viene mantenuto per 30 minuti e viene calcolata la media degli ultimi cinque minuti. Per fare ciò, registriamo le temperature completamente durante il tempo di esecuzione tramite AIDA Extreme e alla fine forniamo solo una temperatura dei quattro core del processore. Sotto Idle, C2MP e Skyrim diamo il valore medio delle temperature medie registrate, sotto LinX il valore medio dei valori massimi di temperatura.

Perché quattro scenari?

il Valore inattivo è ovvio. Se il PC non ha nulla a che fare o se è caricato solo leggermente con le applicazioni per l'ufficio o la navigazione, è meno importante sapere quanto sarà caldo il processore, ma piuttosto quanto è rumorosa la ventola del dispositivo di raffreddamento. Copriamo quest'area con questa registrazione, che viene eseguita 15 minuti dopo l'avvio del sistema.

Questa rappresenta un'altra categoria di utilizzo quotidiano del PC Giochi 3D A gran parte della generazione più giovane piace utilizzare il PC come base per i giochi, poiché è possibile offrire una qualità dell'immagine potenzialmente migliore rispetto alle console. Ma a questo punto devi distinguere tra le applicazioni. Ci sono giochi che richiedono molta scheda grafica e richiedono pochissimo dal processore. Tuttavia, ci sono anche giochi che dipingono l'immagine opposta e quelli che richiedono entrambi i componenti nel corso del gameplay. Per fare ciò, abbiamo deciso di nuovo di entrare in possesso di uno scenario peggiore adatto. Da questo si dovrebbe capire che questo è solo il caso peggiore dei casi, che non si trova permanentemente nel gioco. A tal fine, abbiamo scelto una posizione in Skyrim in cui possiamo generare molto carico su tutti e quattro i core della CPU e che dura per un periodo di 30 minuti.

Questo è seguito dall'uso di Core2MaxPerf come livello di difficoltà successivo. Le nostre misurazioni hanno dimostrato che questo strumento di caricamento sintetico si comporta più o meno allo stesso modo di quando lo chiedi al PC Video con il freno a mano convertire. Dal nostro punto di vista, questo rappresenta un altro ambito comune della vita quotidiana del PC ed è più o meno perfettamente emulato da questa procedura. In realtà non ci sono applicazioni più difficili nella vita di tutti i giorni oggi.

Core2MaxPerf e Coretemp in azione

Infine, ci sono ancora programmi speciali di campo scientificoche può utilizzare il processore principale di un sistema in modo potente ed eccessivo; anche superiore alle applicazioni precedentemente menzionate. Uno di questi casi è LinX, che esegue tali calcoli come esempio. Nel nostro confronto, LinX è il caso peggiore per una CPU e in realtà la migliore spiegazione del motivo per cui potresti aver bisogno di un dispositivo di raffreddamento della CPU molto potente.

Anche un po 'di elaborazione d'ufficio, navigazione in Internet e lettura di e-mail non sono una considerazione significativa, poiché ci si sposta in queste aree praticamente sul funzionamento senza carico per i processori, che con le loro sofisticate misure di risparmio energetico di solito lavorano alla frequenza di clock più bassa .

Skyrim scena di riferimento

Tuttavia, c'è sicuramente un'altra area di applicazione a cui molti utenti si dedicano ogni giorno: Giochi di Computer. Di solito è proprio quest'area - la scena del gaming - che i produttori di accessori del settore cooler vogliono rivolgersi in modo particolare. Abbiamo quindi selezionato anche un titolo di gioco per il test di oggi, che dovrebbe coprire questo test pratico come esempio. Abbiamo scelto un rappresentante attraverso la selezione precedente che carica il processore a sufficienza senza essere completamente pesante per la CPU. Un gran numero di titoli di giochi attuali non dovrebbe richiedere il processore (a quattro core) tanto quanto abbiamo fatto nel nostro test.

Nota: i risultati della scena di test appena selezionata in Skyrim non sono ovviamente confrontabili con i risultati dei test precedenti.

Controllo della ventola:

Sulle schede madri odierne, tutti i produttori offrono controlli delle ventole per le connessioni delle ventole. Tuttavia, di solito non hanno nulla in comune tra loro, quindi il controllo della ventola sulla nostra scheda madre MSI è sicuramente diverso da quello di ASUS, ASRock o Gigabyte, ad esempio. Non ci sono specifiche dal produttore della CPU e quindi ogni produttore cucina la propria zuppa.

I fan moderni sono principalmente dotati solo di ventole PWM a 4 pin. In alcuni casi, tuttavia, ci si imbatte in modelli a 3 pin che non supportano la modulazione della larghezza di impulso. Mentre le schede madri precedenti offrivano la possibilità di regolare i modelli a 3 pin, abbiamo dovuto scoprire con l'MSI Z87-GD65 Gaming che apparentemente solo le ventole a 4 pin sono regolate qui.

La curva di controllo viene mantenuta molto piatta fino a 40 ° C e quindi sale ripidamente nell'intervallo tra 40 e 70 ° C. A partire da una temperatura della CPU di 70 ° C, il sistema di controllo cerca di contrastare queste temperature mediante la massima velocità. Considerata la varietà di dispositivi di raffreddamento sul mercato, riteniamo che le impostazioni abbiano senso. In singoli casi gli interventi manuali - adattati al proprio sistema di raffreddamento del case e al dissipatore della CPU - potrebbero avere un effetto positivo sul comportamento del rumore. Ovviamente, il nostro test non può coprire queste situazioni.

fluttuazioni di temperatura

I nostri test vengono eseguiti a una temperatura ambiente compresa tra 20 e 21 ° C. Naturalmente, ci sono fluttuazioni di temperatura nelle immediate vicinanze della stazione di prova a causa della generazione di calore dell'hardware. Le fluttuazioni della temperatura ambiente, anche in piena estate, non sono da temere nelle nostre misurazioni perché stiamo lavorando con un sistema di aria condizionata.

Hardware: caratteristiche speciali

Metri

Ci piace utilizzare dispositivi di misurazione di alta qualità nei nostri test. Vengono utilizzate stazioni di misurazione del volume, telecamere termografiche, termometri a infrarossi, amperometri a pinza o semplicemente dispositivi di misurazione della tensione (voltmetri).

A seconda dell'area e dello scopo, a volte ci affidiamo a produttori noti come Fluke o Tenma, in altri casi anche al marchio Voltcraft di Conrad. In termini di emissioni acustiche, ci affidiamo a dispositivi speciali di ulteeaudiotechnikche ci consentono di effettuare misurazioni singole oltre alle misurazioni dB (A). Ulteriori dettagli sulla tecnologia di misurazione che utilizziamo possono essere trovati qui.

Registrazione del rumore di fondo

Oltre al comportamento di raffreddamento, il rumore di fondo della combinazione di refrigeratore e ventola è un criterio essenziale per valutare un tale prodotto. I lettori abituali dovrebbero sapere che ci siamo specializzati in questo segmento. Di norma, le nostre misurazioni difficilmente possono essere confrontate con i risultati della maggior parte delle altre pubblicazioni, perché utilizzano principalmente dispositivi di misurazione portatili economici nella fascia di prezzo da 100 a 200 euro, il cui rumore del microfono parte da circa 30 dB (A) . A questo proposito, non sorprende il motivo per cui i valori di quiete sono dati come 30 dB (A) in tali confronti, sebbene un valore standardizzato di 30 dB (A) sia tutt'altro che basso.

Inoltre, per soddisfare o almeno approssimare la norma, tali misurazioni mancano di una stanza a bassa riflessione e troppo spesso mancano informazioni sulla distanza. Un valore dB (A) senza specificare la distanza dal soggetto in prova deve essere inteso come un valore standard e questo corrisponde a una distanza di un metro.

Il nostro dispositivo attuale DAASUSB dalla casa ulteeaudiotechnik si trova in un segmento di prezzo notevolmente più alto e ci offre l'opportunità di effettuare misurazioni molto più precise.

Il dispositivo calibrato ci permette di effettuare misure in dB (A) e sone range, e diamo i risultati di misura, come al solito, standardizzati, che corrispondono ad una distanza di un metro. Inoltre, i soggetti del test vengono misurati in una sorta di camera anecoica.

Le analisi spettrali consentono anche di avere un'idea della distribuzione spettrale del livello di un ventilatore in combinazione con il radiatore dei singoli candidati al test e mostrano come si comportano le combinazioni nelle diverse gamme di frequenza.

Analisi spettrale di un candidato al test

Per poter vedere rapidamente i valori essenziali nell'analisi spettrale, abbiamo contrassegnato le informazioni dettagliate del campo qui con frecce rosse. Il valore misurato in dB (A) e sone è mostrato in alto a destra e le informazioni sulla condizione di carico in basso - al centro. Accanto ad esso a destra, elenchiamo la velocità della ventola del soggetto del test.

Inoltre, ovviamente, il grafico attuale fornisce agli intenditori irriducibili indizi chiari. I segnali stocastici (segnali casuali come definiti nella gamma acustica) nella gamma fino a circa 700 Hz sono percepiti meno male dalla maggior parte delle persone rispetto alla gamma più sensibile (da circa 1.000 a 4.000 Hz). Inoltre, i segnali tonali nella gamma da circa 200 Hz in su possono compromettere in modo significativo la percezione soggettiva ed essere percepiti come sgradevoli (un cosiddetto tono di fischio come esempio).

Tuttavia, l'esperienza in questo settore negli ultimi anni ci ha insegnato che le ventole della CPU più grandi sono molto più delicate sul nostro udito in quelle aree. L'era delle ventole in forte espansione da 40, 60 e 80 mm è finita. Al giorno d'oggi, quasi nessun produttore di refrigeratori inizia a sviluppare al di sotto di un diametro di 92 mm.

Il candidato al test in sintesi

Dati chiave e ambito di fornitura

dati salienti Corsair Hydro H110i GT
Tipo di raffreddamento Raffreddamento ad acqua compatto
Dimensioni (L x A x P) radiatore 322 * 140 * 27 millimetri
Lunghezza dei tubi (misurata) circa 380 mm
Peso totale (misurato) circa 1.280 grammi
Materiale Radiatore in alluminio, radiatore in rame
ventilatore Connettore di alimentazione SATA della pompa; Connettori ventola a 4 pin
Dimensioni del ventilatore 140 * 140 * 25 millimetri
Velocità della ventola (misurata) Da 550 a 2.100 giri al minuto (+/- 10%)
Il flusso d'aria massimo circa 192 m³ / h (per ventilatore)
Comportamento al rumore (informazioni del produttore) 43 dB (A)
Lineamenti Connessione USB, software, logo illuminato
Pompa (misurata) circa 2.300 giri / min
Compatibilità socket - AMD AM2, AM2 +, AM3, AM3 +, FM1, FM2, FM2 +
Compatibilità socket - Intel LGA 1155, 1150, 1156, 2011, 1366
Consegna Dispositivo di raffreddamento, ventola, istruzioni, materiale di montaggio
Prezzo al pubblico (al 19.04.2015/XNUMX/XNUMX) circa 125 euro

Come praticamente tutti i produttori di refrigeratori d'acqua compatti, Corsair lavora con una miscela di materiali. La piastra di base del refrigeratore (superficie di raffreddamento) è in rame, il radiatore è in alluminio verniciato nero. Per prevenire reazioni chimiche, al refrigerante vengono aggiunti additivi per l'acqua. Ovviamente, questo funziona abbastanza bene per i produttori - questo è supportato anche dalla garanzia limitata di cinque anni di Corsair.

Inoltre, viene ovviamente fornito il materiale di montaggio necessario per tutti i possibili zoccoli CPU correnti. La pasta termica viene applicata una volta. Una volta installato, è necessario un nuovo incolla dal proprio inventario se si desidera installare il sistema su una nuova CPU o in un nuovo sistema. In questa fascia di prezzo avremmo voluto che fosse stata aggiunta ulteriore pasta alla fornitura.

Una caratteristica speciale è la connessione USB sulla pompa, che può essere collegata a una porta USB interna libera utilizzando un cavo USB. Non solo è possibile monitorare vari stati del sistema utilizzando il software di collegamento del produttore, ma è anche possibile illuminare la pompa in diversi colori.

Il prezzo si basa sul segmento superiore. I prezzi più bassi attualmente partono da circa 125 euro (che è dovuto anche al cambio con il dollaro USA). Questo è ovviamente un prezzo orgoglioso, ma vengono anche mostrate soluzioni che funzionano ben al di sopra di questo prezzo.

Impressioni

Forse all'inizio devi affermare che Corsair non costruisce da solo un tale raffreddamento AiO, come la maggior parte dei fornitori di tali soluzioni. Corsair è coinvolta negli sviluppi, introduce le idee e i desideri di base e incarica i produttori di produrli e implementarli. Finora Corsair si è affidata ai prodotti del produttore CoolIT con i suoi ultimi refrigeratori d'acqua AiO. Ora il nome del produttore è cambiato in Asetek, un nome sonoro nella scena. Di conseguenza, tuttavia, la H110i GT si basa ora sulle precedenti esperienze Corsair e sugli sviluppi con CoolIT, ora combinate con le influenze e le opzioni offerte con la nuova finitrice.

I materiali e le dimensioni del radiatore rimangono molto simili all'identico ai loro predecessori, con modifiche da lievi a evidenti alla pompa.

La superficie di raffreddamento in rame è rimasta, ma ora c'è un controllo della ventola in tutto il blocco di raffreddamento, che mancava nei precedenti modelli di punta. C'è anche una porta USB che può essere collegata a una porta USB interna sulla scheda madre utilizzando il cavo in dotazione e quindi funziona con il software Corsair Link.

Di conseguenza anche l'alloggiamento della pompa è leggermente cambiato ed è stato ampliato mediante un attacco in plastica, nel quale si trova probabilmente la logica di controllo citata. L'estremità superiore è un intarsio grigio, che reca la scritta Corsair e si abbina otticamente al colore dei nuovi ventagli.

Come già accennato, Corsair ha già applicato la pasta termica sulla superficie di raffreddamento. Non c'è pasta aggiuntiva nella fornitura.

In termini di dimensioni, il nuovo radiatore Corsair ricorda i prodotti mostrati in precedenza. Il radiatore ha una lunghezza di 322 mm e uno spessore di soli 27 mm. Le ventole fornite corrispondono a una dimensione di 140 * 140 * 25 mm e sono otticamente ben scelte per il design. Non solo la variante di colore si adatta alla pompa, ma anche la striscia argentata con il logo Corsair integrato nel radiatore.

C'è anche un'innovazione nel collegamento di alimentazione della pompa. Questo è ora fornito da un alimentatore SATA. Queste connessioni a spina sono attualmente comuni e meno complicate delle connessioni Molex a 4 pin utilizzate in precedenza. È incluso anche un connettore a 3 pin, ma qui non viene utilizzato per l'alimentazione, ma solo per il monitoraggio della velocità della pompa.

Inoltre, sono presenti due connessioni PWM a 4 pin a cui devono essere collegate le due ventole da 140 mm, che vengono poi controllate dall'elettronica integrata.

Montaggio

Siamo arrivati ​​a un punto in cui sorge la domanda su cosa siano utili le istruzioni di montaggio. Per gli utenti esperti, il sistema non lascia quasi nessuna domanda senza risposta e le istruzioni sono richieste solo raramente. Per gli utenti meno esperti, tuttavia, è necessario di più.

Il fatto che i fori per le viti per il modulo di montaggio (piastra posteriore) possano essere impostati in modo variabile per prima cosa ci è diventato chiaro in tempi relativamente brevi, ma questo non vale per l'utente 08/15 e nelle istruzioni non abbiamo ottenuto alcuna informazione precisa sulla posizione in cui dovrebbero essere spostati per montarli sui rispettivi socket della CPU.

Questo è un punto debole del manuale, ma allo stesso tempo vorremmo affermare positivamente che il manuale è relativamente ampio e non giace distrattamente nella scatola come un volantino stampato troppo piccolo. Ma a che serve nel risultato se non risponde alle domande?

Dopo aver trovato il corretto allineamento dei fori delle viti nel modulo, l'assemblaggio è avvenuto più o meno facilmente a mano. I bulloni distanziatori inclusi, che fissano il modulo alla scheda madre, sono descritti correttamente e sono quindi facilmente reperibili. Possono essere avvitati a mano, ma offrono un certo margine di manovra desiderato per il modulo sulla scheda madre.

Ciò cambia non appena il telaio di montaggio (anch'esso descritto in modo sensato) viene posizionato sull'area della pompa e avvitato saldamente con queste viti distanziali utilizzando viti zigrinate.

Nota: se si serrano le viti zigrinate con un cacciavite, si aumenta anche il punto di avvitamento delle viti distanziali. Questi non possono più essere allentati senza attrezzi (chiave esagonale adatta o pinze).

La pressione di contatto sulla CPU ci è sembrata relativamente bassa quando la colleghiamo, rispetto ad altre soluzioni che abbiamo visto finora. Ma in pratica - come si vedrà - le nostre preoccupazioni saranno fugate.

Infine, non resta che creare l'alimentatore. Ci piace il fatto che Corsair si sia separato dai tipici connettori Molex a 4 pin sull'alimentatore e fornisca invece un connettore di alimentazione SATA sull'alimentatore. Questi possono essere collegati in modo più semplice e sicuro e sono meno complicati a causa della mancanza di pin traballanti nel connettore. La connessione a 3 poli, accoppiata a questo cablaggio, non viene utilizzata per l'alimentazione, ma solo per il monitoraggio della pompa.

Sono inoltre presenti due connessioni PWM a 4 pin - provviste di cappucci protettivi - che devono essere collegate alle connessioni a 4 pin delle ventole PWM. La velocità della ventola è regolata tramite l'elettronica integrata nel gruppo pompa H110i-GT.

È possibile utilizzare la porta USB sulla pompa, ma non è necessario. Questa connessione, realizzata con il cavo in dotazione e una porta USB interna, garantisce che il software Corsair Link possa monitorare, determinare e trasmettere i dati. Consente inoltre di illuminare il logo sulla pompa in un colore diverso.

Il software è potente, offre un'ampia gamma di opzioni di monitoraggio, ma non è sempre disponibile immediatamente. La presentazione è stata adattata ai componenti Corsair (qui un caso sullo sfondo), ma tutti gli espedienti ottici in realtà distraggono un po 'dal punto centrale. Qui preferiremmo una linea retta, basata sui punti principali essenziali, e opzionalmente impostazioni più approfondite nei sottomenu, che possono essere selezionati se lo si desidera.

Risultati del test

Comportamento di velocità

Particolare attenzione è riservata al comportamento in velocità e quindi al controllo PWM (modulazione di larghezza di impulso). Ormai da diversi anni la ventola della CPU è controllata dalla scheda madre, in funzione della temperatura in una "curva" programmata dal costruttore. A seconda del modello, la temperatura o il volume misurati alla fine differiscono in modo significativo. Non ci sono specifiche né da Intel né da AMD, in modo che ogni produttore di schede madri possa implementare le proprie idee, il che viene fatto diligentemente. A volte le modifiche possono avvenire solo da una versione del BIOS a un'altra, ma almeno da un modello a un altro.

Molti produttori hanno anche integrato l'opzione di adattare il controllo PWM ai propri parametri. In questa costellazione, tipicamente utilizziamo solo due dei parametri: Controllo ventola disattivato o attivato. Alcune schede madri moderne attualmente non sono più in grado di controllare le ventole a 3 pin: questo sforzo è stato abbandonato a favore delle comuni ventole a 4 pin.

La tabella seguente ci offre una panoramica del comportamento dei candidati al test consultati oggi (in ordine alfabetico):

Stato del sistema: Idle Giochi (max.) Core2MaxPerf pieno carico
Unità: RPM RPM RPM RPM
Noctua NH-U14S 405 1.290 1.460 1.448
Noctua NH-D15 425 1.370 1.500 1.500
Phanteks PH-TC14PE 1.222 1.204 1.208 1.216
Thermaltake Water 3.0 Ultimate 1.038 1.362 1.664 1.848
NZXT Kraken X31 [regolamento più basso] 720 720 720 720
NZXT Kraken X31 [ventola controllata da PWM] 720 1.740 1.920 1.920
NZXT Kraken X41 [livello di controllo più basso] 870 870 870 870
NZXT Kraken X41 [ventola controllata da PWM] 870 1.988 1.988 1.988
NZXT Kraken X61 [livello di controllo più basso] 800 800 800 800
NZXT Kraken X61 [ventola controllata da PWM] 800 1.970 1.970 1.970
Raijintek Triton [opzioni di controllo manuale] 544 - 2.600 544 - 2.600 544 - 2.600 544 - 2.600
Corsair Hydro H110i GT 550 1.100 1.200 1.200 (2.100 max.)

Per determinare le opzioni di lettura della scheda madre e di un Voltcraft Tachimetro digitale DT2L / K Usato. Quest'ultimo viene utilizzato per confrontare le informazioni fornite dal software di monitoraggio e come controllo.

Come accennato, Corsair si posiziona in modo diverso con l'H110i GT rispetto a quanto abbiamo saputo finora. Ovviamente sarebbe ancora possibile collegare e controllare le due ventole da 140 mm tramite la scheda madre, ma l'implementazione interna offre il proprio controllo della ventola. Mostriamo le velocità incontrate sul nostro sistema nella tabella sopra. Non abbiamo informazioni esatte sulla curva di controllo della ventola utilizzata da Corsair. Tuttavia, la tabella mostra chiaramente che il massimo possibile di circa 2.100 RPM per ventola non viene raggiunto.

Comportamento alla temperatura

Inattivo: desktop inattivo

Temperature

Inattivo: desktop di Windows

Thermaltake Water 3.0 Ultimate

22,4
Phanteks PH-TC14PE

22,8
NZXT Kraken X61
[livello di controllo più basso]

22,8
Raijintek Triton
[Ventola 2600 RPM]

22,9
NZXT Kraken X61
[Ventola controllata da PWM]

22,9
NZXT Kraken X41
[Ventola controllata da PWM]

22,9
NZXT Kraken X41
[livello di controllo più basso]

23,0
Raijintek Triton
[Ventola 1220 RPM]

23,5
Corsair Hydro H110i GT
[Predefinito]

23,7
Corsair Hydro H110i GT
[Manuale della ventola a 580 RPM]

23,7
NZXT Kraken X31
[regolamento più basso]

24,1
NZXT Kraken X31
[Ventola controllata da PWM]

24,1
Raijintek Triton
[Ventola 544 RPM]

24,6
Noctua NH-D15
[2 fan]

25,5
Noctua NH-D15
[1 fan]

25,7
Noctua NH-U14S

26,3
centigrado

Come già indicato altrove, anche qui per motivi di chiarezza: in linea di principio, è completamente lo stesso se il dispositivo di raffreddamento raffredda i quattro core della CPU a una media di 23 o 30 ° C in modalità idle. Molto più interessante e importante in questo stato di funzionamento è il rumore di fondo con cui funziona. Dopo tutto, a cosa servono i pochi gradi Celsius se la ventola è costantemente fastidiosa ad alto volume?

Il comportamento della temperatura dell'implementazione Corsair mostrato è quindi inizialmente irrilevante. A causa della curva della ventola selezionata dal produttore, che va di pari passo con il controllo integrato, entrambe le ventole ruotano nell'intervallo compreso tra 550 e 570 RPM e sono silenziose.

Giochi - caso peggiore

Temperature

The Elder scrolls: Skyrim

Thermaltake Water 3.0 Ultimate

55,9
NZXT Kraken X61
[Ventola controllata da PWM]

56,5
NZXT Kraken X41
[Ventola controllata da PWM]

57,5
Corsair Hydro H110i GT
[Predefinito]

58,1
Raijintek Triton
[Ventola 2600 RPM]

58,9
Phanteks PH-TC14PE

59,0
NZXT Kraken X61
[livello di controllo più basso]

59,4
NZXT Kraken X31
[Ventola controllata da PWM]

60,3
Noctua NH-D15
[2 fan]

60,7
Raijintek Triton
[Ventola 1220 RPM]

61,0
Noctua NH-U14S

61,6
Noctua NH-D15
[1 fan]

61,7
Corsair Hydro H110i GT
[Manuale della ventola a 580 RPM]

62,6
Raijintek Triton
[Ventola 544 RPM]

63,4
NZXT Kraken X41
[livello di controllo più basso]

63,6
NZXT Kraken X31
[regolamento più basso]

71,6
centigrado

Sotto i giochi, abbiamo visto un massimo di 1.100 giri al minuto per i due fan nel peggiore dei casi del nostro approccio. Ciò significa un netto aumento del rumore di fondo, che ora può essere sentito anche da un sistema chiuso, ma l'implementazione è ancora relativamente piacevole.

Il comportamento della temperatura tra la versione con ventole regolate e le ventole impostate manualmente al livello più basso cambia ovviamente, sorprendentemente, tuttavia, in un quadro assolutamente accettabile. 58-63 ° C: questi sono i fatti, e ovviamente siamo ancora molto lontani dai limiti reali della temperatura.

Codifica video simulata

Temperature

Core2MaxPerf

Thermaltake Water 3.0 Ultimate

64,9
Raijintek Triton
[Ventola 2600 RPM]

65,9
NZXT Kraken X61
[Ventola controllata da PWM]

66,7
Phanteks PH-TC14PE

67,0
NZXT Kraken X41
[Ventola controllata da PWM]

67,6
Corsair Hydro H110i GT
[Predefinito]

67,9
NZXT Kraken X61
[livello di controllo più basso]

69,2
Noctua NH-U14S

69,4
Noctua NH-D15
[2 fan]

69,9
NZXT Kraken X31
[Ventola controllata da PWM]

70,2
Noctua NH-D15
[1 fan]

70,8
Raijintek Triton
[Ventola 1220 RPM]

71,3
Corsair Hydro H110i GT
[Manuale della ventola a 580 RPM]

72,1
Raijintek Triton
[Ventola 544 RPM]

74,2
NZXT Kraken X41
[livello di controllo più basso]

74,5
NZXT Kraken X31
[regolamento più basso]

83,2
centigrado

L'immagine cambia di nuovo con un maggiore carico della CPU su quattro core. Questo mostra un comportamento alla velocità di circa 1.200 RPM, in definitiva il massimo che possiamo misurare sul nostro sistema. In teoria, le ventole hanno ancora un potenziale fino a 2.100 RPM. E possiamo ancora attestare che non ci siamo confrontati con il rumore, ma piuttosto sorprendentemente con un piacevole rumore di funzionamento.

Nell'intervallo di temperatura, ovviamente, ci stiamo spostando verso regioni più alte, ma ancora non in aree discutibili. Entrambe le versioni del Corsair H110i GT ci piacciono molto in questo segmento, soprattutto per quanto riguarda il comportamento in termini di rumore.

Pieno carico - calcoli matematici

Temperature

Pieno carico simulato:

Thermaltake Water 3.0 Ultimate

72,3
Noctua NH-D15
[2 fan]

76,3
NZXT Kraken X41
[Ventola controllata da PWM]

76,3
NZXT Kraken X61
[Ventola controllata da PWM]

76,3
Raijintek Triton
[Ventola 2600 RPM]

76,3
NZXT Kraken X31
[Ventola controllata da PWM]

79,0
Noctua NH-D15
[1 fan]

79,3
NZXT Kraken X61
[livello di controllo più basso]

79,5
Corsair Hydro H110i GT
[Predefinito]

81,0
Raijintek Triton
[Ventola 1220 RPM]

82,0
NZXT Kraken X41
[livello di controllo più basso]

84,3
Phanteks PH-TC14PE

84,8
Corsair Hydro H110i GT
[Manuale della ventola a 580 RPM]

87,0
Raijintek Triton
[Ventola 544 RPM]

88,0
Noctua NH-U14S

88,8
NZXT Kraken X31
[regolamento più basso]

92,8
centigrado

Le righe che abbiamo scritto in precedenza si applicano anche qui, perché, come notato, la velocità non è salita oltre i 1.200 RPM, che abbiamo anche diminuito con le ventole sotto carico di codifica video.

Naturalmente, altre soluzioni AiO sono "presumibilmente" più efficienti nell'intervallo di temperatura. Tuttavia, ciò è semplicemente dovuto alla velocità applicata delle ventole utilizzate! Questo ovviamente rende il volume un fattore davvero importante nella valutazione dei vari candidati.

Rumore di fondo: pressione sonora (dB (A))

Il Corsair Hydro H110i GT è disponibile nella sua presentazione attuale con il proprio controllo della ventola, che ovviamente includiamo nella considerazione. Allo stesso tempo, eravamo interessati al potenziale della soluzione di raffreddamento, motivo per cui abbiamo presentato anche le misurazioni con la velocità della ventola più bassa per il capitolo precedente.

Ma oltre alle ventole, i sistemi di raffreddamento ad acqua AiO hanno anche una pompa, che fa circolare l'acqua nel circuito e crea un certo rumore di fondo che spesso è superiore al volume della più bassa velocità della ventola delle ventole.

La pompa dell'H110i GT ha un livello di rumorosità molto buono di 12,8 dB (A) (0,81 sone), che in pratica significa il miglior risultato per le pompe delle soluzioni AiO finora. Se visto apertamente, il rumore della pompa non è più udibile da un orecchio umano sano da una distanza di un metro. È completamente soffocato nel livello generale di un PC, soprattutto quando le ventole stesse, che si trovano sulle pareti dell'alloggiamento, stanno già lavorando più forte.

Ci piace molto anche il comportamento delle due ventole da 140 mm. Corsair fornisce valori massimi di 43 dB (A), che non abbiamo mai riscontrato in pratica nel nostro sistema. In idle abbiamo visto un "misero" 14,4 dB (A) o 0,97 sone. Entrambi possono sembrare silenziosi, basati su una distanza di un metro e comunque impercettibili nella custodia chiusa. Questo valore silenzioso si applica quindi anche a tutte le misurazioni di temperatura nello stato di controllo manuale.

Grazie al controllo integrato, raggiungiamo un massimo di 25,7 dB (A) sotto carico di gioco e 27,9 dB (A) sotto codifica video e carico massimo della CPU. Questi sono valori da cui altri produttori dovrebbero prima imparare qualcosa. I risultati possono essere visti chiaramente, anche da un case chiuso, ma possono essere descritti come relativamente silenziosi e non molto fastidiosi sotto carico.

Inattivo: desktop inattivo

Volume (pressione sonora - dB (A))

Inattivo: desktop di Windows

Noctua NH-U14S

8,9
Noctua NH-D15
[1 fan]

9,0
Noctua NH-D15
[2 fan]

10,8
Corsair Hydro H110i GT
[Predefinito]

14,4
Corsair Hydro H110i GT
[Manuale della ventola a 580 RPM]

14,4
NZXT Kraken X31
[regolamento più basso]

15,8
NZXT Kraken X31
[Ventola controllata da PWM]

15,8
NZXT Kraken X41
[livello di controllo più basso]

15,9
NZXT Kraken X41
[Ventola controllata da PWM]

15,9
Thermaltake Water 3.0 Ultimate

17,5
Phanteks PH-TC14PE

21,4
Raijintek Triton
[Ventola 544 RPM]

21,4
NZXT Kraken X61
[livello di controllo più basso]

21,6
NZXT Kraken X61
[Ventola controllata da PWM]

24,7
Raijintek Triton
[Ventola 1220 RPM]

27,7
Raijintek Triton
[Ventola 2600 RPM]

47,0
dB (A)

Giochi - caso peggiore

Volume (pressione sonora - dB (A))

The Elder Scrolls: Skyrim (Outdoor)

Corsair Hydro H110i GT
[Manuale della ventola a 580 RPM]

14,4
NZXT Kraken X31
[regolamento più basso]

15,8
NZXT Kraken X41
[livello di controllo più basso]

15,9
Noctua NH-U14S

20,1
Raijintek Triton
[Ventola 544 RPM]

21,4
NZXT Kraken X61
[livello di controllo più basso]

21,6
NZXT Kraken X31
[Ventola controllata da PWM]

23,5
Corsair Hydro H110i GT
[Predefinito]

25,7
Noctua NH-D15
[1 fan]

26,8
Thermaltake Water 3.0 Ultimate

27,4
Raijintek Triton
[Ventola 1220 RPM]

27,7
Phanteks PH-TC14PE

29,1
Noctua NH-D15
[2 fan]

29,3
NZXT Kraken X41
[Ventola controllata da PWM]

35,7
NZXT Kraken X61
[Ventola controllata da PWM]

39,8
Raijintek Triton
[Ventola 2600 RPM]

47,0
dB (A)

Codifica video e pieno carico

Volume (pressione sonora - dB (A))

Core2MaxPerf

Corsair Hydro H110i GT
[Manuale della ventola a 580 RPM]

14,4
NZXT Kraken X31
[regolamento più basso]

15,8
NZXT Kraken X41
[livello di controllo più basso]

15,9
Raijintek Triton
[Ventola 544 RPM]

21,4
NZXT Kraken X61
[livello di controllo più basso]

21,6
Noctua NH-U14S

24,3
NZXT Kraken X31
[Ventola controllata da PWM]

27,1
Raijintek Triton
[Ventola 1220 RPM]

27,7
Corsair Hydro H110i GT
[Predefinito]

27,9
Noctua NH-D15
[1 fan]

28,3
Phanteks PH-TC14PE

29,1
Thermaltake Water 3.0 Ultimate

29,2
Noctua NH-D15
[2 fan]

31,2
NZXT Kraken X41
[Ventola controllata da PWM]

35,7
NZXT Kraken X61
[Ventola controllata da PWM]

39,8
Raijintek Triton
[Ventola 2600 RPM]

47,0
dB (A)

Pieno carico - calcoli matematici

Volume (pressione sonora - dB (A))

Pieno carico simulato:

Corsair Hydro H110i GT
[Manuale della ventola a 580 RPM]

14,4
NZXT Kraken X31
[regolamento più basso]

15,8
NZXT Kraken X41
[livello di controllo più basso]

15,9
Raijintek Triton
[Ventola 544 RPM]

21,4
NZXT Kraken X61
[livello di controllo più basso]

21,6
Noctua NH-U14S

24,3
NZXT Kraken X31
[Ventola controllata da PWM]

27,1
Raijintek Triton
[Ventola 1220 RPM]

27,7
Corsair Hydro H110i GT
[Predefinito]

27,9
Noctua NH-D15
[1 fan]

28,3
Phanteks PH-TC14PE

29,1
Noctua NH-D15
[2 fan]

31,2
Thermaltake Water 3.0 Ultimate

33,3
NZXT Kraken X41
[Ventola controllata da PWM]

35,7
NZXT Kraken X61
[Ventola controllata da PWM]

39,8
Raijintek Triton
[Ventola 2600 RPM]

47,0
dB (A)

Si può probabilmente affermare qui che Corsair ha trovato la migliore soluzione da casa in termini di raffreddamento e rumore di fondo. Questi sono probabilmente anche i prerequisiti che possono essere posti sul raffreddamento AiO per tutti. Finora, installare e sentirsi bene è stata la soluzione migliore qui. Ovviamente anche qui è possibile una regolazione fine.

Rumore di fondo: Loudness (sone)

Presentiamo le sole osservazioni per completare i nostri risultati, così facendo, sone vorrebbe presentare un valore soggettivamente più chiaro, che non possiamo cogliere né attraverso analisi spettrali né altri fatti.

Può essere interessante notare che i candidati al test furono ricaricati per la prima misurazione del suono anni dopo, ma la loro valutazione del volume era completamente diversa rispetto agli anni precedenti. "Sone" merda! Scherzi a parte: sone è una quantificazione basata su prove sul campo con gli esseri umani. Da ciò è derivata un'opzione di valutazione, che dovrebbe avvicinarsi alla percezione umana. Gli schemi di valutazione risultanti da un tale approccio sono sempre soggetti a un certo cambiamento in funzione del tempo. Tradotto: L'invecchiamento delle persone contribuisce naturalmente anche al fatto che i rumori sono percepiti in una forma diversa, forse più silenziosa, forse più forte, e quindi l'inventario precedente di queste persone ha i suoi angoli.

Tuttavia, sone rimane un valore che si vede volentieri oggi, ed è per questo che lo dimostriamo anche noi.

Inattivo: desktop inattivo

Volume (volume - sone)

Inattivo: desktop di Windows

Noctua NH-D15
[1 fan]

0,5
Noctua NH-U14S

0,6
Noctua NH-D15
[2 fan]

0,6
NZXT Kraken X31
[regolamento più basso]

1,0
NZXT Kraken X31
[Ventola controllata da PWM]

1,0
Corsair Hydro H110i GT
[Predefinito]

1,0
Corsair Hydro H110i GT
[Manuale della ventola a 580 RPM]

1,0
NZXT Kraken X41
[livello di controllo più basso]

1,1
NZXT Kraken X41
[Ventola controllata da PWM]

1,1
Thermaltake Water 3.0 Ultimate

1,2
Phanteks PH-TC14PE

1,6
Raijintek Triton
[Ventola 544 RPM]

1,6
NZXT Kraken X61
[livello di controllo più basso]

1,7
NZXT Kraken X61
[Ventola controllata da PWM]

2,1
Raijintek Triton
[Ventola 1220 RPM]

2,6
Raijintek Triton
[Ventola 2600 RPM]

9,4
sone

Giochi - caso peggiore

Volume (volume - sone)

The Elder Scrolls: Skyrim (Outdoor)

NZXT Kraken X31
[regolamento più basso]

1,0
Corsair Hydro H110i GT
[Manuale della ventola a 580 RPM]

1,0
NZXT Kraken X41
[livello di controllo più basso]

1,1
Noctua NH-U14S

1,4
Raijintek Triton
[Ventola 544 RPM]

1,6
NZXT Kraken X61
[livello di controllo più basso]

1,7
Corsair Hydro H110i GT
[Predefinito]

1,9
NZXT Kraken X31
[Ventola controllata da PWM]

1,9
Noctua NH-D15
[1 fan]

2,3
Thermaltake Water 3.0 Ultimate

2,5
Raijintek Triton
[Ventola 1220 RPM]

2,6
Noctua NH-D15
[2 fan]

2,6
Phanteks PH-TC14PE

2,6
NZXT Kraken X41
[Ventola controllata da PWM]

4,6
NZXT Kraken X61
[Ventola controllata da PWM]

5,9
Raijintek Triton
[Ventola 2600 RPM]

9,4
sone

Codifica video e pieno carico

Volume (volume - sone)

Core2MaxPerf

NZXT Kraken X31
[regolamento più basso]

1,0
Corsair Hydro H110i GT
[Manuale della ventola a 580 RPM]

1,0
NZXT Kraken X41
[livello di controllo più basso]

1,1
Raijintek Triton
[Ventola 544 RPM]

1,6
NZXT Kraken X61
[livello di controllo più basso]

1,7
Noctua NH-U14S

2,0
Corsair Hydro H110i GT
[Predefinito]

2,1
NZXT Kraken X31
[Ventola controllata da PWM]

2,4
Noctua NH-D15
[1 fan]

2,5
Raijintek Triton
[Ventola 1220 RPM]

2,6
Phanteks PH-TC14PE

2,6
Thermaltake Water 3.0 Ultimate

2,9
Noctua NH-D15
[2 fan]

3,1
NZXT Kraken X41
[Ventola controllata da PWM]

4,6
NZXT Kraken X61
[Ventola controllata da PWM]

5,9
Raijintek Triton
[Ventola 2600 RPM]

9,4
sone

Pieno carico - calcoli matematici

Volume (volume - sone)

Pieno carico simulato:

NZXT Kraken X31
[regolamento più basso]

1,0
Corsair Hydro H110i GT
[Manuale della ventola a 580 RPM]

1,0
NZXT Kraken X41
[livello di controllo più basso]

1,1
Raijintek Triton
[Ventola 544 RPM]

1,6
NZXT Kraken X61
[livello di controllo più basso]

1,7
Noctua NH-U14S

2,0
Corsair Hydro H110i GT
[Predefinito]

2,1
NZXT Kraken X31
[Ventola controllata da PWM]

2,4
Noctua NH-D15
[1 fan]

2,5
Raijintek Triton
[Ventola 1220 RPM]

2,6
Phanteks PH-TC14PE

2,6
Noctua NH-D15
[2 fan]

3,1
Thermaltake Water 3.0 Ultimate

3,8
NZXT Kraken X41
[Ventola controllata da PWM]

4,6
NZXT Kraken X61
[Ventola controllata da PWM]

5,9
Raijintek Triton
[Ventola 2600 RPM]

9,4
sone

Conclusione

Punteggio del test Corsair Hydro H110i GT
Fornitura / opzioni +
Documentazione o
compatibilità ++
Montaggio ++
Capacità di raffreddamento (livello di controllo più basso) ++
Capacità di raffreddamento (livello di controllo massimo nel test) ++
Volume di carico (livello di controllo più basso) ++
Volume di carico (livello di controllo medio nel test) +
Volume di carico (livello di controllo massimo nel test) +
prezzo o

Opzioni di valutazione: ++ [molto buono] / + [buono] / o [soddisfacente] / - [molto cattivo] / - [cattivo]

Prezzo Amazon circa 165 euro Motore di ricerca dei prezzi circa 124 euro Pagina del prodotto del produttore

Il nostro breve riepilogo sul raffreddamento ad acqua AiO per CPU termina con il nuovissimo Corsair H110i GT per CPU. In sintesi, dobbiamo dire che ai nostri occhi questo era l'aspetto migliore e più compatto finora. Corsair ha incorporato nel nuovo prodotto la sua pluriennale esperienza nel settore dei refrigeratori d'acqua, nonché le opzioni offerte dalla nuova finitrice Asetek.

Il prodotto, che si colloca nel segmento dei frigoriferi di fascia alta, ottiene punti in assoluto in termini di prestazioni e volume di raffreddamento e, inoltre, non delude nel suo approccio i profani meno esperti. Le curve di controllo della ventola regolate manualmente non sono quasi necessarie, ma ovviamente possibili come opzione.

La specialità dell'Hydro H110i GT risiede nel controllo della ventola PWM integrato e nella sua implementazione interna della curva di controllo, che gestisce l'azione di bilanciamento tra volume e raffreddamento. Ma anche silenzioso come un sussurro, impostato manualmente al livello di controllo più basso, la capacità di raffreddamento è comunque assolutamente sufficiente per raffreddare adeguatamente il nostro sistema di prova. Dopodiché, in realtà c'è solo il potenziale per prestazioni di raffreddamento più elevate, e questo viene offerto per intero.

L'installazione è semplice: il manuale potrebbe essere ancora migliore. In termini di compatibilità, ovviamente, non vengono fatti compromessi e possiamo solo lamentarci meschini sulla portata della consegna lamentandoci della mancanza di pasta termica aggiuntiva per il rimontaggio - reclami al massimo livello. Inoltre, ci piace di più l'elaborazione dei candidati finora. Se costruisci un dissipatore per CPU AiO con acqua, dovresti farlo esattamente come ha implementato Corsair.

Il prezzo è ovviamente orgoglioso e la disponibilità al momento non è proprio perfetta. Su Amazon, l'Hydro H110i GT costerà oltre 165 euro, ma si possono già trovare fornitori nei motori di ricerca dei prezzi con offerte a partire da 125 euro. Diamo un'occhiata qui in confronto Kraken X61 di NZXT Con prezzi a partire da 150 euro, il prodotto Corsair appare come un vero affare. Consideriamo, tuttavia, la potente soluzione di Thermalright con l'estensione Water 3.0 Ultimate, non vediamo prestazioni di raffreddamento migliori a poco meno di 140 euro, solo un volume più alto. Ciò significa che il prezzo dell'H110i GT è assolutamente accettabile per noi in questo segmento di hardware. Il modello merita sicuramente una raccomandazione per i suoi punti di forza.

[pg], 21 aprile 2015

A proposito di David Maul

David Maul ha una laurea in informatica aziendale con una passione per l'hardware