OCZ ARC 100 nel test

Intro

OCZ è stato un pioniere nel settore degli SSD consumer. Sfortunatamente, la reputazione dei suoi SSD ha sofferto in passato a causa dei tassi di guasto relativamente alti di alcuni modelli. Dopo il fallimento e la ricostruzione sotto Toshiba, OCZ rientra nel mercato consumer con l'ARC 100. Un sofisticato controller Barefoot 3 e l'affidabile Toshiba Flash dovrebbero convincere e conquistare i clienti. Nel test di oggi chiariamo cosa si nasconde dietro l'ARC 100.

Originariamente noto come produttore di memorie e alimentatori, OCZ è apparso come un pioniere nel settore degli SSD consumer e, soprattutto, nel settore degli utenti domestici. Dopo che i primi modelli di SSD consumer di vari produttori sono apparsi sul mercato, alcuni dei quali hanno richiesto improvvisamente alcuni secondi di riflessione durante la scrittura e hanno portato il sistema a un punto morto, OCZ ha lanciato modelli correlati al rapporto prezzo-prestazioni con modelli popolari di Intel come la serie X25-M potrebbe competere. Insieme ai controller Barefoot-1 di Indilinx e ai controller di SandForce, OCZ ha rilasciato un numero relativamente elevato di modelli diversi, alcuni dei quali sono diventati molto popolari.

Tuttavia, la reputazione ha sofferto a causa dei tassi di guasto relativamente elevati di alcuni modelli di consumo e nei forum a volte ci sono persino riserve sulla durata nei confronti dei controller SandForce, sebbene lo stesso controller nei modelli di altri produttori non abbia attirato l'attenzione negativa a questo proposito. OCZ è stata infine rilevata da Toshiba dopo il fallimento, eliminando la vera causa degli alti tassi di fallimento e delle perdite in OCZ. Approfondiremo le cause e la riorganizzazione nella sezione successiva, perché sono rilevanti se si vuole considerare l'affidabilità del nuovo OCZ (OCZ Storage Solutions) con il vecchio OCZ (OCZ Technology Group).

L'ARC 100 rappresenta ora il ritorno di OCZ nel segmento di ingresso e mira a stupire con un buon rapporto qualità-prezzo. E sebbene il modello sia stato inserito nel segmento entry-level, dovrebbe già convincere con prestazioni più elevate a lungo termine. Il nostro test chiarirà come si comporta il modello.

Segnalibri SSD:

Recensioni recenti SSD:

Il passato movimentato di OCZ

Come già accennato all'inizio, OCZ ha inizialmente introdotto sul mercato un gran numero di modelli SSD, guadagnando così una certa popolarità. Nel marzo 2011, OCZ ha acquistato il produttore di controller Indilinx e ha quindi acquisito la capacità e i brevetti per sviluppare controller internamente. Per NAND Flash, tuttavia, dipendevano ancora dagli acquisti di altri produttori. In questo momento, la domanda di mercato di SSD è aumentata notevolmente, mentre la produzione di flash NAND non è ancora riuscita a farcela a causa della mancanza di capacità sufficienti.

Ottenuto OCZ i media aveva problemi a ottenere abbastanza NAND e non era in grado di soddisfare gli obiettivi di vendita. Ciò ha contribuito a mettere l'azienda in rosso. E c'erano più nuvole scure all'orizzonte: il numero di resi di SSD, ovvero SSD OCZ difettosi presso i clienti, è aumentato e aumentato. È possibile che OCZ abbia fatto troppi compromessi in termini di qualità della NAND Flash acquistata, sia per raggiungere obiettivi di vendita che per entrare nel mercato a basso prezzo. Altri hanno speculato sui problemi con i controller SandForce utilizzati, che non erano così evidenti nei prodotti concorrenti.

I dati sulle risposte vengono divulgati raramente, ma quando lo fanno i rivenditori del mercato SSD trapelato, l'allora OCZ Technology Group si è comportata relativamente male rispetto alla concorrenza. Il sito web francese hardware.fr (o, fino al 2012, il suo sito web in lingua inglese BeHardware.com) pubblica ogni sei mesi i dati sui resi per vari componenti hardware da un rivenditore europeo. Le cifre quindi non sono rappresentative del mondo, ma forniscono una guida. I modelli Octane e Petrol sono stati particolarmente evidenti con tassi fino al 40%, ma anche gli SSD Agility e Vertex si sono distinti con tassi superiori al 5%.

I resi difettosi causano clienti insoddisfatti e costi per la garanzia e le spese di garanzia. Se i tassi di guasto sono significativamente più alti del previsto, anche questi costi possono ricadere sui piedi dell'azienda. Dopo che la società aveva subito diversi trimestri di perdite, OCZ ha riscontrato ulteriori problemi di fornitura e consegna nell'ottobre 2013 e ha presentato istanza di fallimento a novembre. La divisione alimentatori è stata poi venduta a Firepower Technology (USA) nel febbraio 2014 e la produzione di memorie è stata interrotta anticipatamente. Il gruppo tecnologico Toshiba era interessato al settore SSD, inaspettatamente per molti.

L'acquisizione da parte di Toshiba

Nel dicembre 2013 è stato annunciato che Toshiba avrebbe voluto acquistare le parti rilevanti dell'azienda. Se guardavi al mercato dei consumatori, questa decisione era incomprensibile per alcuni, perché avevi ancora in mente l'elevato tasso di errore dei prodotti di consumo. OCZ aveva iniziato da tempo a costruire prodotti per soluzioni aziendali. Poiché questi hanno giocato in una fascia di prezzo diversa e significativamente più alta, non c'erano problemi di guasto causati da NAND a basso costo.

Anche Toshiba è un produttore di Flash. In qualità di consociata Toshiba, OCZ Storage Solutions ha ora accesso diretto alla memoria flash di un produttore di memorie esperto e affermato che produce sia flash eMLC per soluzioni aziendali che flash MLC per SSD consumer. Il problema del "vecchio" OCZ di ottenere una memoria flash affidabile in quantità maggiori non esiste più. E acquistando OCZ, Toshiba ha infine una società del gruppo che può accedere ai controller, allo sviluppo del firmware e alla memoria flash all'interno del gruppo. Con l'appropriato sostegno finanziario, Toshiba / OCZ cercherà ora di salire sul ring contro altri sviluppatori interni come Samsung e Intel.

La garanzia ShieldPlus

Questa composizione potrebbe non sembrare male sulla carta, ma è necessario di più per riguadagnare la fiducia dei clienti. Questo era chiaro anche a OCZ, motivo per cui lo erano Garanzia ShieldPlus introdotto. Questo vale per ARC 100 e Vertex 460A per tre anni ciascuno e quattro anni per l'SSD AMD Radeon R7, che OCZ costruisce con e per AMD.

In pratica la procedura funziona così: se hai un problema con l'SSD, contatta l'assistenza. Il numero di serie del modello è sufficiente come legittimazione, non è richiesta alcuna prova di acquisto. Qualora il supporto determini la presenza evidente di un difetto, verrà inviato direttamente al cliente un nuovo SSD, unitamente ad una bolla di reso per la restituzione gratuita del vecchio SSD.

OCZ ha una pagina sull'argomento sul suo sito web Gestione della qualità dedicato. Oltre ai soliti impegni e grafici, c'è una rappresentazione relativamente in basso nella pagina che si occupa dei tassi di errore del passato.

Immagine: OCZ ARC 100 nel test
OCZ è ovviamente convinta dell'affidabilità dei nuovi prodotti e assicura l'acquirente di conseguenza con la garanzia. La sostituzione anticipata di OCZ è molto più conveniente per il cliente in caso di garanzia, perché è semplicemente molto più veloce che se invii un dispositivo difettoso e ottieni una sostituzione solo dopo settimane.

Il candidato alla prova

Dati chiave e tecnologia

L'ARC 100 è disponibile nelle varianti 120, 240 e 480 GB. La famiglia Barefoot 3 utilizzata è ora sul mercato da oltre due anni; la versione M100 con clock leggermente inferiore del controller viene utilizzata nell'ARC 10. Ci si può aspettare che sia adeguatamente maturo e che i programmatori del firmware lo conoscano già bene.

le istruzioni del produttore OCZ ARCO 100
capacità 120/240/480 GB
Controller A piedi nudi 3 M10
Interfaccia Serial ATA 6.0 Gbps
Veloce Toshiba A19nm 64 Gbit MLC
Cache DRAM 512 MB
fattore di forma 2,5 Zoll
Max. Leggere 475 MB / s (120 GB), 480 MB / s (24 0 GB), 490 MB / s (480 GB)
Max. Scrivi 395 MB / s (120 GB), 430 MB / s (240 GB), 450 MB / s (480 GB)
Max. Leggi IOPS 75.000
Max. Scrivi IOPS 80.000
garanzia del produttore 3 anni ShieldPlus

Le velocità di lettura massime, che da 475 a 490 MB / s, non esauriscono completamente l'interfaccia SATA, sono evidenti. Questo è un po 'insolito ora, dato che ti sei abituato al fatto che quasi tutti gli SSD fanno il salto di oltre 500 MB / s. Poiché la lettura sequenziale permanente è un caso speciale nella pratica, i test pratici devono mostrare se questo ha effetti negativi nell'uso reale.

Attrezzatura

Il posizionamento nel segmento entry-level ha il suo pedaggio nell'elenco delle apparecchiature. L'SSD crittografa i dati con AES a 256 bit, ma sfortunatamente non supporta le specifiche TCG Opal, necessarie ad esempio per l'utilizzo dello standard eDrive di Microsoft. Sfortunatamente, non c'è nemmeno il supporto per le modalità di risparmio energetico aggiuntive come DevSleep. Quando prendi in mano l'unità, noti che, a 110 grammi, sembra più pesante rispetto ai modelli concorrenti (ad esempio Samsung 850 Evo con 66 grammi). Entrambi questi fattori non lo rendono un'unità ideale per notebook. Il peso ridotto e il basso consumo inattivo sono essenziali per le piattaforme mobili.

tutta la vita

Ora diamo un'occhiata alla durata. OCZ promette al cliente un volume di scrittura medio di 20 GB al giorno per tre anni "con carichi tipici degli utenti finali". Il produttore menziona esplicitamente anche le postazioni di lavoro come area di applicazione. Secondo Adam Riese, il risultato finale è un volume di scrittura garantito di 21 terabyte. Il sito Web Kitguru.net ha ricevuto cinque unità ARC-100 e le sta attualmente sottoponendo a un test di resistenza. Al momento della stesura di questo documento, tutte e cinque le unità hanno già l'estensione Limite di 200 terabyte superato e quindi già raggiunto dieci volte quanto promesso dal produttore.

Impressioni

Immagine: OCZ ARC 100 nel test
In questo segmento di prezzo, le aggiunte non sono comuni. Non ci sono aggiunte fisiche nella confezione.

Immagine: OCZ ARC 100 nel test
Nella versione da 256 GB, la memoria flash NAND era divisa in 16 pacchetti, 8 ciascuno sul davanti e sul retro. Di conseguenza, ci sono più stampi nei singoli pacchetti nella variante da 512 GB.

Immagine: OCZ ARC 100 nel test

Attrezzatura software

Con OCZ Toolbox, il cliente ottiene uno strumento per gli aggiornamenti del firmware e il controllo delle proprietà SSD. UN Video Youtube illustra questo processo. Lo strumento può essere utilizzato per Microsoft Windows 7 e 8 (.1), Linux e Mac scaricato essere.

Se lo desideri, puoi utilizzare altri mezzi per assicurarti che l'ambiente operativo sia adattato in modo ottimale alle unità SSD. I parametri importanti sono:

  • La porta SATA funziona in modalità AHCI?
  • Il sistema operativo supporta TRIM?
  • È stata disattivata una deframmentazione automatica del sistema operativo?

Ambiente di test

Hardware

Stazione di prova:

Il candidato al test:

Immagine: OCZ ARC 100 nel test
Modelli di confronto:

Software

Il nostro corso di riferimento

Il nostro corso di benchmark mira a rispondere alle seguenti domande:

  • Quanto velocemente l'SSD legge e scrive file di grandi dimensioni in sequenza e legge e scrive file piccoli a caso?
  • In che modo i blocchi frammentati (da non confondere con la frammentazione dei file!) E le risultanti scritture in lettura e modifica influiscono sulle prestazioni dopo un carico di scrittura pesante?
  • Quanto è veloce l'SSD in uno scenario di carico continuo (stato stazionario)?
  • TRIM può ripristinare le prestazioni complete?
  • Quanto è efficace la raccolta dei rifiuti?
  • Quanto è veloce l'SSD quando si verificano determinati mix di blocchi grandi e piccoli?

Benchmark sintetici

Non si può evitare l'utilizzo di benchmark sintetici, in quanto solo con questi diventano visibili i limiti tecnici degli SSD. Mostrano il massimo ottenibile.

Segno di riferimento Utilizzare
Iometer (lettura / scrittura sequenziale) Velocità massima di lettura e scrittura per blocchi di grandi dimensioni; si ottiene in pratica solo durante la lettura / scrittura di file di grandi dimensioni, ad esempio durante la modifica di video.
Iometer (lettura / scrittura casuale) Massima velocità di lettura e scrittura con accesso parallelo a piccoli blocchi 4K. Questi si verificano più frequentemente nella pratica nel lavoro quotidiano.
COME SSD Utilizziamo questo benchmark ampiamente utilizzato per motivi di completezza.

Con questi benchmark determiniamo le prestazioni nei seguenti stati:

Stato descrizione
fresco Tutte le pagine nell'SSD sono vuote e non sono ancora state scritte. Questo è lo stato al momento della consegna o dopo una cancellazione sicura.
utilizzato Tutti i blocchi sono già stati scritti almeno una volta. (Solo per prove di scrittura)
dopo un carico pesante Prestazioni in base a uno scenario di carico riprodotto tramite i nostri profili di carico del server Iometer.
secondo TRIM Prestazioni dopo che i blocchi sono stati nuovamente rilasciati da TRIM.

In questo modo è possibile vedere se e in che misura le prestazioni dell'SSD stanno diminuendo e se TRIM può ripristinare le prestazioni originali.

Non importa se copi qualche centinaio di file MP3 o video o simuli questo lavoro con Iometer, lo sforzo è lo stesso per l'SSD. Le differenze derivanti dal file system del sistema operativo interessano quindi tutti gli SSD allo stesso modo, in modo che i rapporti tra le differenze di prestazioni rimangano gli stessi.

Traccia benchmark

La vita reale, d'altra parte, può essere simulata utilizzando benchmark di traccia come i profili PCMark o Iometer, che simulano casi d'uso. Con questi test vengono effettuati accessi pratici in maniera riproducibile.

Segno di riferimento Utilizzare
Benchmark di traccia PCMark7 PCMark7 simula vari casi d'uso rivolti principalmente a contenuti multimediali privati.
Profilo workstation Iometer Questo profilo simula una workstation molto utilizzata con accesso 8K. Due terzi degli accessi sono accessi in lettura, un terzo sono accessi in scrittura. Due terzi degli accessi sono casuali e un terzo sequenziale.
Profilo del server web Iometer Principalmente i dati di varie dimensioni di blocco vengono scaricati da un server web. Questo profilo riproduce tale lavoro.
Profilo del file server Iometer Questo profilo simula il lavoro di un file server da cui vengono scaricati e caricati file di varie dimensioni. Un quinto degli accessi sono accessi in scrittura.
Iometer non è IOMix Questo profilo è stato creato dalla rivista di settore c't. Riproduce il lavoro su un normale PC ed è stato originariamente creato per i test del disco rigido.

Per risultati pratici, eseguiamo questi test dopo che l'SSD è già stato scritto più volte con i profili di carico e si è occupato di dati attivi ad eccezione dei restanti 10 GB. Questo ti dà i valori delle prestazioni di un SSD che è già stato utilizzato ed è attualmente per lo più pieno.

Applicazioni

Testiamo meno per applicazione stessa. Ci sono due ragioni principali per questo: in primo luogo, il limite della CPU falsa il divario di prestazioni tra gli SSD. Ad esempio, quando l'SSD deve attendere che la CPU elabori determinati dati prima che l'SSD possa continuare a funzionare all'avvio dell'applicazione. A causa del limite della CPU, gli SSD si avvicinano più di quanto sarebbe il caso con CPU più veloci in seguito. In secondo luogo, molte applicazioni possono essere misurate solo con un cronometro, che è troppo impreciso per noi, soprattutto perché i risultati a volte sono distanti solo decimi di secondo. Ma eseguiamo il nostro test di copia OpenOffice di lunga durata perché è facile da riprodurre. Abbiamo aumentato la quantità di dati solo di un fattore 12. Ora sono 3,06 GB di dati in oltre 48.000 file di varie dimensioni che verranno duplicati sul test drive.

Misurazioni continue del carico

Come descritto nella sezione "Comportamento di caricamento", gli SSD collassano sotto un carico di scrittura casuale continuo se la garbage collection non può fornire blocchi liberi abbastanza rapidamente. Un tale comportamento di carico si verifica solo raramente nel normale uso domestico. Per l'uno o l'altro lettore, tuttavia, potrebbe essere interessante se un SSD è adatto anche per un uso un po 'più duro. Ad esempio, come supporto dati per un virtualizzatore, in cui possono verificarsi molti piccoli accessi in parallelo, o come disco per un ambiente di test di database.

Per questo test, lasciamo andare quante più scritture 4K possibili sull'SSD utilizzando l'Iometer e creiamo un grafico che mostra le prestazioni nel tempo. Ripetiamo questo test dopo una pausa di 30 minuti o 12 ore per vedere se la raccolta dei rifiuti è stata in grado di fornire blocchi liberi sufficienti per prestazioni elevate durante questo periodo. Poiché Iometer funziona con un file di prova di grandi dimensioni che non viene cancellato in qualsiasi momento, ma solo sovrascritto, viene esclusa l'influenza di TRIM su queste due ripetizioni. L'aumento delle prestazioni tramite TRIM stesso viene quindi misurato in una quarta esecuzione. Ciò avviene dopo una formattazione rapida, in cui l'unità viene "tagliata". Il file di prova viene quindi creato di nuovo.

Ci teniamo a sottolineare che questo va ben oltre i normali requisiti per gli SSD per uso domestico. Se un SSD non funziona così bene qui, non viene quindi conteggiato negativamente. Ma vogliamo scoprire quali SSD si distinguono positivamente dalla massa. Inoltre, questo test rende più facile vedere fino a che punto funziona la raccolta dei rifiuti.

MByte / so IOPS?

Normalmente, forniamo i risultati della misurazione in megabyte al secondo. Nei test del profilo, tuttavia, forniamo i risultati in IOPS (operazioni di input / output al secondo = comandi di input e output al secondo). Un comando di input o output può significare leggere o scrivere un blocco. Ciò non influisce sulla comparabilità. Se un supporto dati gestisce 128 IO al secondo in un test di scrittura con blocchi da 1.000 KB, matematicamente questo si traduce in 1.000 * 128 KB = 128 MB al secondo. Quando un sistema operativo scrive file MP3 o video, lo fa anche in blocchi e le dimensioni dei blocchi finiscono per dipendere dalle dimensioni dei file e dalla formattazione del file system. Con molti file di piccole dimensioni, questo potrebbe limitare il numero di IOPS e con file di grandi dimensioni la velocità di scrittura massima dell'SSD. Pertanto, ha senso utilizzare la specifica di IOPS ogni volta che è presente un numero elevato di operazioni di lettura e scrittura e / o sono coinvolte diverse dimensioni di blocco.

Con le misurazioni di stato stazionario, le informazioni in IOPS hanno l'ulteriore vantaggio di poter confrontare direttamente le informazioni IOPS massime solitamente pubblicizzate dai produttori con i risultati reali.

risultati di misura

Lettura sequenziale

Questi due test determinano la velocità con cui possono essere letti file di grandi dimensioni. Mentre Iometer legge continuamente i dati dall'intervallo di indirizzi di test (= dimensione dell'SSD meno 10 GB), AS-SSD utilizza file di test di dimensioni "solo" 1 GB. Misuriamo le prestazioni di lettura sequenziale mentre l'SSD si trova nei seguenti stati:

Stato descrizione
fresco Tutte le pagine nell'SSD erano vuote prima del test e non erano ancora state scritte. Questo è lo stato al momento della consegna o dopo una cancellazione sicura.
secondo il carico Prestazioni in base a uno scenario di carico riprodotto tramite i nostri profili di carico del server Iometer. Questo carico è maggiore rispetto al tipico uso domestico.
Note: Tra l'esecuzione dei profili di carico del server e questo test, all'SSD è stata concessa mezz'ora di inattività per la rigenerazione tramite garbage collection, come tra tutti gli altri test.
secondo TRIM Prestazioni dopo che i blocchi sono stati nuovamente rilasciati da TRIM.
Iometer - lettura sequenziale
[seq. Leggi (fresco)]
[seq. Leggi (dopo il caricamento)]
[seq. Leggi (dopo TRIM)]
Corsair Force LX 256 GB

554,4

485,5

552,5
Sandisk Extreme II 240 GB

552,9

530,4

552,4
Samsung 840 Pro 256GB

547,3

546,4

548,9
Samsung 840 Evo 250GB

542,7

542,4

542,8
Samsung 840 120GB

541,9

486,3

534,8
Crucial m550 256 GB

537,1

517,5

536,6
Sandisk Ultra Plus 256 GB

536,7

460,4

536,1
Crucial MX100 256 GB

534,2

490,4

534,3
Crucial m550 1 TB

533,3

536,5

533,8
Corsair Neutron GTX 480 GB

498,4

479,8

498,9
Sandisk Extreme da 240 GB

490,4

425,9

492,3
OCZ ARC 100 240 GB

459,2

389,7

456,3
MByte / s

Come già annunciato nelle schede tecniche, le prestazioni di lettura sequenziale sono fino al 20% inferiori rispetto alla concorrenza. Nell'uso quotidiano, questo è raramente evidente, se non del tutto, poiché la maggior parte degli accessi in lettura non consiste nella lettura sequenziale di gigabyte. Le eccezioni sono la copia di file molto grandi - supponendo un supporto dati su cui la copia può essere scritta abbastanza velocemente - così come il campo dell'elaborazione video, a condizione che le CPU e il programma di elaborazione possano leggere più di 450 MB / s.

AS-SSD - lettura sequenziale
[seq. Leggi (fresco)]
[seq. Leggi (dopo il caricamento)]
[seq. Leggi (dopo TRIM)]
Corsair Force LX 256 GB

527,7

526,7

527,1
Sandisk Extreme II 240 GB

522,8

521,0

520,0
Samsung 840 Pro 256GB

522,6

522,4

522,2
Crucial m550 256 GB

521,5

520,1

520,4
Sandisk Extreme da 240 GB

520,5

501,2

493,7
Crucial MX100 256 GB

519,9

519,4

518,8
Crucial m550 1 TB

518,7

515,6

516,2
Samsung 840 Evo 250GB

515,6

513,6

515,4
Corsair Neutron GTX 480 GB

515,5

509,2

516,3
Samsung 840 120GB

515,2

513,4

516,1
Sandisk Ultra Plus 256 GB

505,1

503,6

504,6
OCZ ARC 100 240 GB

449,5

443,1

447,9
MByte / s

Scrittura sequenziale

Questi due test determinano la velocità con cui possono essere scritti file di grandi dimensioni. Mentre Iometer scrive continuamente i dati nell'area dell'indirizzo di test (= dimensione dell'SSD meno 10 GB), AS-SSD utilizza file di test di dimensioni "solo" 1 GB. Misuriamo le prestazioni di scrittura sequenziale mentre l'SSD si trova in stati diversi:

Stato descrizione
fresco Tutte le pagine nell'SSD sono vuote e non sono ancora state scritte. Questo è lo stato al momento della consegna o dopo una cancellazione sicura.
utilizzato Tutti i blocchi sono già stati scritti almeno una volta.
secondo il carico Prestazioni in base a uno scenario di carico riprodotto tramite i nostri profili di carico del server Iometer. Questo carico è maggiore rispetto al tipico uso domestico.
Note: Tra l'esecuzione dei profili di carico del server e questo test, all'SSD è stata concessa mezz'ora di inattività per la rigenerazione tramite garbage collection, come tra tutti gli altri test. Poiché i risultati a volte oscillano molto fortemente con AS-SSD, specifichiamo lì il corridoio tra i valori minimo e massimo.
secondo TRIM Prestazioni dopo che i blocchi sono stati nuovamente rilasciati da TRIM.
Iometer - scrittura sequenziale
[seq. Scrivi (fresco)]
[seq. Scrivi (usato)]
[seq. Scrivi (dopo il caricamento)]
[seq. Scrivi (dopo TRIM)]
Samsung 840 Pro 256GB

526,7

528,6

28,0

487,8
Sandisk Extreme II 240 GB

515,2

517,4

126,4

514,9
Crucial m550 1 TB

503,9

501,0

421,6

499,1
Crucial m550 256 GB

498,2

497,8

138,6

499,6
Corsair Neutron GTX 480 GB

497,5

495,4

297,3

498,2
Sandisk Ultra Plus 256 GB

484,7

482,5

39,0

483,5
OCZ ARC 100 240 GB

427,8

428,0

220,6

429,5
Crucial MX100 256 GB

342,7

342,4

49,0

342,9
Corsair Force LX 256 GB

298,9

298,8

125,9

298,9
Samsung 840 Evo 250GB

289,0

289,7

39,3

290,3
Sandisk Extreme da 240 GB

240,7

252,8

13,7

252,1
Samsung 840 120GB

133,4

133,4

27,7

133,1
MByte / s

Le prestazioni di scrittura sequenziale sotto Iometer, d'altra parte, sembrano molto migliori. Sebbene posizionato come dispositivo entry-level, le sue prestazioni di scrittura sequenziale sono superiori alla maggior parte degli altri SSD entry-level. Il SanDisk Ultra Plus è più veloce, ma collassa più fortemente dopo il caricamento.

Nel benchmark AS SSD con i suoi brevissimi scatti di scrittura sequenziale, il concorrente EVO con il suo meccanismo TurboWrite può ancora sovraperformare, ma per il resto la distribuzione rimane più o meno la stessa.

AS-SSD - scrittura sequenziale
[seq. Scrivi (fresco)]
[seq. Scrivi (usato)]
[seq. Scrivi (dopo Last_Minimalwert)]
[seq. Scrivi (dopo Last_Maximalwert)]
[seq. Scrivi (dopo TRIM)]
Samsung 840 Evo 250GB

503,5

502,7

501,0

501,9

503,2
Samsung 840 Pro 256GB

503,0

443,3

39,7

445,9

487,7
Sandisk Extreme II 240 GB

491,1

489,2

289,7

444,0

488,0
Crucial m550 1 TB

486,3

485,2

483,1

484,2

485,8
Crucial m550 256 GB

483,6

482,6

481,2

482,5

483,1
Corsair Neutron GTX 480 GB

481,1

480,6

398,6

457,7

463,9
Sandisk Ultra Plus 256 GB

458,5

459,4

94,7

273,0

453,5
OCZ ARC 100 240 GB

413,7

435,9

434,9

435,4

414,4
Crucial MX100 256 GB

332,8

331,7

331,7

335,2

331,5
Corsair Force LX 256 GB

286,9

286,3

286,3

287,2

287,1
Sandisk Extreme da 240 GB

275,4

207,1

115,2

141,0

204,3
Samsung 840 120GB

128,5

128,5

127,3

128,1

128,0
MByte / s

Lettura casuale

Questi due test determinano la velocità con cui possono essere letti blocchi da 4 kilobyte. Quando si confrontano i valori tra Iometer e AS-SSD, va notato che Iometer funziona con una profondità della coda di 4. Misuriamo le prestazioni di lettura in caso di accesso casuale mentre l'SSD si trova in stati diversi:

Stato descrizione
fresco Tutte le pagine nell'SSD sono vuote e non sono ancora state scritte. Questo è lo stato al momento della consegna o dopo una cancellazione sicura.
secondo il carico Prestazioni in base a uno scenario di carico riprodotto tramite i nostri profili di carico del server Iometer. Questo carico è maggiore rispetto al tipico uso domestico.
Note: Tra l'esecuzione dei profili di carico del server e questo test, all'SSD è stata concessa mezz'ora di inattività per la rigenerazione tramite garbage collection, come tra tutti gli altri test.
secondo TRIM Prestazioni dopo che i blocchi sono stati nuovamente rilasciati da TRIM.
Iometer - lettura casuale
[4K Read (fresco)]
[4K Read (dopo il caricamento)]
[4K Read (secondo TRIM)]
Sandisk Extreme II 240 GB

129,9

115,2

129,5
Samsung 840 Pro 256GB

129,6

129,8

129,5
Sandisk Ultra Plus 256 GB

125,2

56,3

125,4
Crucial m550 256 GB

120,3

120,2

119,6
Samsung 840 Evo 250GB

117,5

118,0

117,8
Crucial MX100 256 GB

117,3

116,8

117,3
Crucial m550 1 TB

115,7

116,3

115,9
Corsair Neutron GTX 480 GB

113,2

112,7

113,2
Samsung 840 120GB

106,7

106,6

106,7
Corsair Force LX 256 GB

95,5

95,7

96,1
OCZ ARC 100 240 GB

76,6

77,0

77,3
Sandisk Extreme da 240 GB

46,0

55,4

53,1
MByte / s

Tuttavia, l'ACR 4 non può distinguersi nemmeno con accessi in lettura 100K casuali. Occupa il penultimo posto sia per Iometer che per AS-SSD. Vedremo più avanti nel server web e nei benchmark delle applicazioni se questo svantaggio ha anche un effetto nella pratica.

AS-SSD - lettura casuale
[4K Read (fresco)]
[4K Read (dopo il caricamento)]
[4K Read (secondo TRIM)]
Samsung 840 Evo 250GB

38,1

36,9

37,9
Sandisk Extreme II 240 GB

34,0

33,7

33,8
Samsung 840 Pro 256GB

33,3

33,0

33,3
Sandisk Ultra Plus 256 GB

32,9

32,8

32,6
Crucial m550 256 GB

30,5

30,7

30,6
Crucial MX100 256 GB

29,8

29,7

29,7
Crucial m550 1 TB

29,6

29,5

29,4
Corsair Force LX 256 GB

28,7

28,5

28,5
Corsair Neutron GTX 480 GB

28,4

28,1

28,3
Samsung 840 120GB

28,1

28,1

28,2
OCZ ARC 100 240 GB

26,3

29,6

25,8
Sandisk Extreme da 240 GB

21,3

23,6

22,2
MByte / s

Scrittura casuale

Questi due test determinano la velocità con cui possono essere scritti blocchi da 4 kilobyte. Quando si confrontano i valori tra Iometer e AS-SSD, va notato che Iometer funziona con una profondità della coda di 4. Le misurazioni con una profondità della coda più elevata vengono eseguite nelle misurazioni allo stato stazionario. Misuriamo le prestazioni di scrittura per gli accessi casuali mentre l'SSD si trova in stati diversi:

Stato descrizione
fresco Tutte le pagine nell'SSD sono vuote e non sono ancora state scritte. Questo è lo stato al momento della consegna o dopo una cancellazione sicura.
utilizzato Tutti i blocchi sono già stati scritti almeno una volta.
secondo il carico Prestazioni in base a uno scenario di carico riprodotto tramite i nostri profili di carico del server Iometer. Questo carico è maggiore rispetto al tipico uso domestico.
Note: Tra l'esecuzione dei profili di carico del server e questo test, all'SSD è stata concessa mezz'ora di inattività per la rigenerazione tramite garbage collection, come tra tutti gli altri test. Poiché i risultati oscillano molto fortemente con AS-SSD, specifichiamo lì il corridoio tra i valori minimo e massimo.
secondo TRIM Prestazioni dopo che i blocchi sono stati nuovamente rilasciati da TRIM.
Iometer - scrittura casuale
[4K Write (fresco)]
[Scrittura 4K (usata)]
[Scrittura 4K (dopo il caricamento)]
[Scrittura 4K (dopo TRIM)]
Crucial m550 1 TB

264,2

260,1

131,5

261,0
Corsair Neutron GTX 480 GB

259,3

252,8

224,3

249,6
Crucial m550 256 GB

258,8

258,1

82,5

241,0
Samsung 840 Pro 256GB

250,0

253,8

29,0

254,7
Sandisk Extreme II 240 GB

242,8

245,9

51,4

244,3
Crucial MX100 256 GB

242,0

263,0

45,3

237,5
OCZ ARC 100 240 GB

232,7

229,2

187,9

228,4
Corsair Force LX 256 GB

225,8

225,1

62,9

221,0
Samsung 840 Evo 250GB

220,9

220,3

40,6

203,0
Sandisk Ultra Plus 256 GB

191,5

188,9

33,7

180,4
Sandisk Extreme da 240 GB

163,3

115,0

12,8

115,7
Samsung 840 120GB

132,9

133,5

27,0

127,6
MByte / s

Qui, tuttavia, il nostro soggetto di prova sotto Iometer si presenta: nel segmento entry-level, solo il Crucial MX100 deve ammettere la sconfitta. Ma ciò che è molto più evidente e notevole: l'ARC 100 si rompe a malapena nello scenario di carico ed è persino nella gamma del modello ad alte prestazioni Corsair Neutron GTX. Questo era persino dotato di una quantità doppia di Flash e quindi di un'area di riserva più ampia.

L'ARC 100 gioca anche un ruolo di primo piano nei brevi burst di scrittura di AS-SSD e deve solo ammettere la sconfitta del modello di prestazioni M550 di Crucial.

AS-SSD: scrittura casuale
[4K Write (fresco)]
[Scrittura 4K (usata)]
[4K Write (after Last_Minimalwert)]
[4K Write (after Last_Maximalwert)]
[Scrittura 4K (dopo TRIM)]
Crucial m550 1 TB

100,6

100,9

97,6

100,4

98,8
OCZ ARC 100 240 GB

100,0

96,6

87,4

97,1

95,5
Crucial MX100 256 GB

99,6

99,0

63,9

86,9

97,3
Crucial m550 256 GB

97,8

100,6

97,2

100,4

98,0
Sandisk Extreme II 240 GB

97,0

97,4

55,0

83,6

96,0
Corsair Force LX 256 GB

95,3

95,3

81,4

95,9

92,3
Samsung 840 Evo 250GB

95,2

95,2

58,6

88,1

94,6
Sandisk Extreme da 240 GB

94,5

92,2

53,6

82,0

92,8
Corsair Neutron GTX 480 GB

91,7

92,1

85,4

89,7

88,5
Sandisk Ultra Plus 256 GB

90,4

90,8

44,6

74,8

88,4
Samsung 840 Pro 256GB

88,0

88,9

63,4

88,1

85,8
Samsung 840 120GB

87,1

86,8

52,9

80,7

86,0
MByte / s

Web server, file server, workstation

Questi profili simulano l'accesso in lettura e scrittura simultaneo come si verificano nelle tipiche applicazioni server o workstation. Misuriamo le prestazioni nel modo più pratico possibile quando solo 10 GB sono liberi sull'SSD e tutti i blocchi sono già stati scritti almeno una volta da un caricamento precedente che era riproducibilmente identico per tutti i soggetti del test.

profilo descrizione
webserver Blocchi di varie dimensioni vengono letti dall'SSD. Questo profilo consente anche di trarre buone conclusioni sulle partizioni di gioco, dalle quali di solito vengono caricati nella RAM solo i file dei giochi.
File server Questo profilo simula il lavoro di un file server da cui vengono scaricati o caricati file di varie dimensioni. Un quinto degli accessi sono accessi in scrittura.
Stazione di lavoro Questo profilo simula una workstation molto utilizzata con accesso 8K. Due terzi degli accessi sono accessi in lettura, un terzo sono accessi in scrittura. Due terzi degli accessi sono casuali e un terzo sequenziale.

Questi profili rappresentano un carico di diversi minuti Le unità che eseguono una garbage collection durante i periodi di inattività beneficiano di un livello di prestazioni superiore all'inizio della misurazione.

[Iometro]
[Server web]
Samsung 840 Pro 256GB

31500,0
Samsung 840 Evo 250GB

30744,1
Samsung 840 120GB

29824,1
Crucial m550 1 TB

28374,3
OCZ ARC 100 240 GB

26441,1
Crucial m550 256 GB

26157,3
Corsair Force LX 256 GB

25475,6
Crucial MX100 256 GB

24566,7
Sandisk Extreme II 240 GB

24107,4
Corsair Neutron GTX 480 GB

24077,3
Sandisk Extreme da 240 GB

18938,4
Sandisk Ultra Plus 256 GB

17251,3
IOPS / s

Il benchmark del server Web consente la lettura continua di dati di varie dimensioni di blocco e mostra che le prestazioni di lettura sintetica inferiori non hanno un effetto negativo nella pratica come suggeriscono i benchmark sintetici. Nel segmento entry-level, l'ARC 100 deve solo ammettere la sconfitta del Samsung EVO.

[Iometro]
[File server]
Crucial m550 1 TB

28219,6
OCZ ARC 100 240 GB

26362,1
Corsair Neutron GTX 480 GB

22986,5
Sandisk Extreme II 240 GB

20031,7
Crucial MX100 256 GB

17044,0
Sandisk Extreme da 240 GB

16410,3
Samsung 840 Evo 250GB

15682,3
Samsung 840 Pro 256GB

14102,8
Crucial m550 256 GB

13885,9
Corsair Force LX 256 GB

12054,9
Sandisk Ultra Plus 256 GB

11602,3
Samsung 840 120GB

8325,0
IOPS / s

In entrambi i test orientati alla scrittura, l'ARC 100 pulisce il pavimento con la concorrenza. Solo la versione da 1 TB del Crucial M550 è in testa nel test del file server. Che ciò sia dovuto principalmente alla maggiore capacità lo si può vedere nella versione da 256 GB dell'M550, perché è solo la metà più veloce dell'ARC 100. Nel test della workstation, l'OCZ SSD è addirittura in vantaggio rispetto al 1-TB-M550. La promessa di OCZ di prestazioni di scrittura di lunga durata sotto carico può essere considerata con sicurezza soddisfatta.

[Iometro]
[Workstation]
OCZ ARC 100 240 GB

38000,1
Crucial m550 1 TB

35515,2
Corsair Neutron GTX 480 GB

26852,5
Sandisk Extreme II 240 GB

21413,8
Sandisk Extreme da 240 GB

15622,1
Crucial m550 256 GB

13170,2
Sandisk Ultra Plus 256 GB

11320,9
Samsung 840 Evo 250GB

10846,4
Corsair Force LX 256 GB

10138,8
Samsung 840 120GB

9483,1
Samsung 840 Pro 256GB

7546,2
Crucial MX100 256 GB

7464,0
IOPS / s

HT4U OpenOffice copy test

Il nostro test di copia di OpenOffice duplica i file di installazione di OpenOffice sul test drive. Poiché gli SSD di oggi lo fanno in pochissimo tempo, abbiamo aumentato di dodici volte la quantità di dati. Alla fine, 3,06 GB in oltre 48.000 file di varie dimensioni vengono letti sul test drive e immediatamente scritti in un'altra posizione sul test drive.
[Xcopia]
[OpenOffice copy test]
Samsung 840 120GB

50,8
Sandisk Ultra Plus 256 GB

43,2
Sandisk Extreme II 240 GB

35,3
Corsair Neutron GTX 480 GB

34,9
OCZ ARC 100 240 GB

34,5
Samsung 840 Pro 256GB

33,4
Sandisk Extreme da 240 GB

33,4
Samsung 840 Evo 250GB

32,3
Crucial MX100 256 GB

31,4
Crucial m550 256 GB

30,5
Corsair Force LX 256 GB

30,1
Crucial m550 1 TB

30,0
Durata in secondi (meno è meglio)

Nel test di copia, la persona che esegue il test corre nel campo centrale senza anomalie.

Benchmark di traccia PCMark7

PCMark7 simula vari casi d'uso rivolti principalmente a contenuti multimediali privati. Dai test di memoria disponibili in PCMark7, abbiamo selezionato quelli che mostrano le maggiori differenze di prestazioni tra dispositivi delle più svariate classi di prestazioni.
[Segnale PC, 7]
[Importazione di immagini]
Corsair Neutron GTX 480 GB

30,4
Samsung 840 Pro 256GB

30,4
Crucial m550 256 GB

30,3
Crucial m550 1 TB

30,3
Sandisk Extreme da 240 GB

30,1
OCZ ARC 100 240 GB

29,9
Samsung 840 Evo 250GB

29,3
Crucial MX100 256 GB

28,4
Sandisk Extreme II 240 GB

28,2
Corsair Force LX 256 GB

27,5
Sandisk Ultra Plus 256 GB

26,5
Samsung 840 120GB

21,0
MByte / s

Con la leggera debolezza di lettura e il forte comportamento di scrittura, l'ARC 100 non può davvero distinguersi dalla concorrenza nei test pratici più orientati alla lettura.

[Segnale PC, 7]
[Montaggio video]
Samsung 840 Evo 250GB

23,7
Samsung 840 Pro 256GB

23,7
Sandisk Extreme da 240 GB

23,6
Crucial m550 256 GB

23,4
Crucial m550 1 TB

23,4
Sandisk Extreme II 240 GB

23,3
Crucial MX100 256 GB

23,3
Samsung 840 120GB

23,2
Corsair Force LX 256 GB

23,2
Sandisk Ultra Plus 256 GB

23,2
Corsair Neutron GTX 480 GB

22,4
OCZ ARC 100 240 GB

22,3
MByte / s
[Segnale PC, 7]
[Inizio applicazione]
Crucial MX100 256 GB

69,3
Samsung 840 Pro 256GB

67,5
Crucial m550 1 TB

63,6
Crucial m550 256 GB

63,2
Corsair Force LX 256 GB

62,0
Samsung 840 120GB

60,9
Sandisk Extreme II 240 GB

60,6
Samsung 840 Evo 250GB

59,1
Sandisk Ultra Plus 256 GB

58,3
Sandisk Extreme da 240 GB

56,8
Corsair Neutron GTX 480 GB

55,1
OCZ ARC 100 240 GB

51,8
MByte / s
[Segnale PC, 7]
[Giochi]
Samsung 840 Pro 256GB

17,5
Samsung 840 Evo 250GB

17,3
Sandisk Extreme da 240 GB

17,2
Crucial m550 256 GB

17,1
Sandisk Extreme II 240 GB

17,1
Crucial m550 1 TB

17,0
Crucial MX100 256 GB

17,0
Samsung 840 120GB

17,0
Corsair Force LX 256 GB

17,0
Sandisk Ultra Plus 256 GB

16,9
Corsair Neutron GTX 480 GB

16,7
OCZ ARC 100 240 GB

16,3
MByte / s

Curve di carico continue

Questo test si basa sulla "specifica del test delle prestazioni di archiviazione a stato solido" della SNIA (Storage Networking Industry Association). Dovrebbe mostrare il comportamento dell'SSD sotto carico continuo e mostrare anche su quali prestazioni minime l'utente può fare affidamento e quanto sono stabili le prestazioni in tal caso. A tal fine, l'SSD viene continuamente scritto con scritture casuali 4K con una profondità della coda di 32. Più a lungo l'SSD può mantenere le sue elevate prestazioni iniziali e maggiori sono le prestazioni permanenti dopo il rodaggio, meglio è. Questo scenario di prova è così Caso peggiore e meno importante per le normali applicazioni domestiche in quanto tende a indirizzare carichi più elevati. Questo test mostra la perdita di prestazioni nel tempo con carico costante. Con carichi inferiori o meno accessi paralleli, la perdita di prestazioni si verificherà di conseguenza solo in seguito!

Immagine: OCZ ARC 100 nel test
Sotto un carico continuo di processi di scrittura 4K casuali con una profondità della coda di 32, OCZ ARC 100 inizia con valori intorno a 86.000 IOPS a un livello molto buono. Come con qualsiasi SSD, le prestazioni diminuiscono se non ci sono più blocchi liberi e la garbage collection deve garantire attivamente blocchi liberi anche durante la scrittura. L'ARC 100 scende a una media di soli 18.000 IOPS, il che lo colloca ben prima della concorrenza.

Prestazioni allo stato stazionario

Stato stazionario significa

OCZ ARC 100 240 GB

18300,0
Corsair Neutron GTX 480 GB

12300,0
Sandisk Extreme II 240 GB

9900,0
Samsung 840 120GB

5200,0
Samsung 840 Pro 256GB

4900,0
Crucial m550 1 TB

4900,0
Crucial m550 256 GB

4200,0
Crucial MX100 256 GB

4200,0
Corsair Force LX 256 GB

3900,0
Sandisk Extreme da 240 GB

3400,0
Samsung 840 Evo 250GB

3400,0
Sandisk Ultra Plus 256 GB

3400,0
IOPS

Inoltre, si può affermare che il controller cancella alcuni blocchi tramite garbage collection durante i periodi di inattività. Ha dimostrato che questo non può essere dato per scontato prova il Samsung 840 Pro, che quindi ha fatto relativamente male per un modello di prestazioni nello scenario di carico nel test di scrittura Iometer sequenziale.

input

Misuriamo il consumo energetico reale utilizzando una pinza amperometrica nei cinque scenari applicativi Idle, Lettura casuale, Scrittura casuale, Lettura sequenziale e Scrittura sequenziale. Da questi cinque valori di base, ognuno può determinare il consumo totale appropriato, a seconda della distribuzione delle condizioni nel caso specifico.
In pratica, la parte inattiva predomina nettamente, poiché gli SSD sono usati raramente in modo continuo. I meccanismi SSD come DevSleep e DIPM / LPM riducono ulteriormente il consumo di inattività.
Stromverbrauch

inattivo

Corsair Neutron GTX 480 GB

1,3
Crucial m550 256 GB

1,1
Crucial m550 1 TB

1,1
Crucial MX100 256 GB

1,0
OCZ ARC 100 240 GB

0,9
Sandisk Ultra Plus 256 GB

0,7
Sandisk Extreme da 240 GB

0,7
Sandisk Extreme II 240 GB

0,6
Samsung 840 120GB

0,4
Samsung 840 Pro 256GB

0,4
Samsung 840 Evo 250GB

0,4
W

I tassi di inattività sono relativamente alti a circa 1 watt. Poiché le modalità di risparmio energetico aggiuntive come DevSleep non sono supportate, il consumo di energia non può essere ulteriormente ridotto.

Stromverbrauch

Lettura casuale

Sandisk Extreme II 240 GB

2,1
Sandisk Extreme da 240 GB

1,8
Corsair Neutron GTX 480 GB

1,8
Crucial m550 1 TB

1,8
Crucial m550 256 GB

1,8
Samsung 840 Evo 250GB

1,7
Crucial MX100 256 GB

1,6
Samsung 840 Pro 256GB

1,4
Samsung 840 120GB

1,2
Sandisk Ultra Plus 256 GB

1,1
OCZ ARC 100 240 GB

1,1
W
Stromverbrauch

Seq. Leggere

Corsair Neutron GTX 480 GB

3,3
Sandisk Extreme II 240 GB

2,9
Crucial m550 1 TB

2,8
Samsung 840 Evo 250GB

2,8
Crucial m550 256 GB

2,7
Sandisk Extreme da 240 GB

2,6
Samsung 840 Pro 256GB

2,3
Sandisk Ultra Plus 256 GB

2,3
Crucial MX100 256 GB

2,1
OCZ ARC 100 240 GB

2,0
Samsung 840 120GB

1,2
W
Stromverbrauch

Scrittura casuale

Corsair Neutron GTX 480 GB

5,0
Sandisk Extreme da 240 GB

3,5
Crucial m550 1 TB

3,2
Sandisk Extreme II 240 GB

3,0
Crucial m550 256 GB

2,9
Crucial MX100 256 GB

2,6
Samsung 840 Pro 256GB

2,4
OCZ ARC 100 240 GB

2,3
Sandisk Ultra Plus 256 GB

2,2
Samsung 840 Evo 250GB

2,0
Samsung 840 120GB

1,5
W
Stromverbrauch

Seq. Scrivi

Corsair Neutron GTX 480 GB

5,3
Crucial m550 1 TB

4,8
Sandisk Extreme II 240 GB

4,6
Crucial m550 256 GB

4,3
Sandisk Extreme da 240 GB

4,0
OCZ ARC 100 240 GB

3,9
Samsung 840 Pro 256GB

3,6
Sandisk Ultra Plus 256 GB

3,0
Samsung 840 Evo 250GB

2,5
Crucial MX100 256 GB

2,5
Samsung 840 120GB

1,9
W

Per ragioni tecnologiche, le scartoffie sono le più assetate di energia, poiché le celle devono essere caricate e scaricate e il controller ha il maggior sforzo di elaborazione. Il consumo di 5 watt sembra molto per gli SSD, ma non dovresti perdere di vista il fatto che nella maggior parte dei casi questi sono inattivi e quando è necessario fare qualcosa, è principalmente l'accesso in lettura. Pertanto dovresti sempre vedere questi risultati in relazione al tuo utilizzo dell'SSD.

Conclusione

OCZ vuole riconquistare la fiducia con i suoi nuovi prodotti. Con l'ormai disponibile Toshiba NAND Flash e il sofisticato controller, ci sono ottime possibilità che anche questo abbia successo. Lo indica anche il test a lungo termine di Kitguru.net menzionato nella sezione "Durata della vita". In assenza di una sfera di cristallo, non è mai possibile fare dichiarazioni vincolanti in questo settore.

Punteggio del test OCZ ARC 100 240 GB
Prestazioni di lettura o
Scrittura delle prestazioni +
Durevolezza o
Carico segmento semi / professionale ++
input o
Consegna o
Livello dei prezzi (al 30.01.2015 gennaio XNUMX) ++
Prezzo per GB (confronto prezzi 30.01.2015/XNUMX/XNUMX) € 0,38 / GB (240 GB)
Opzioni di punteggio: ++ [molto buono] / + [buono] / o [soddisfacente] / - [cattivo] / - [molto cattivo]

Tuttavia, è difficile credere che il controller, insieme all'elevato numero di pacchetti di die sull'SSD, non possa parallelizzare abbastanza processi di lettura per esaurire l'interfaccia SATA. O si tratta di una limitazione artificiale per differenziare i principianti dai modelli ad alte prestazioni nel portafoglio OCZ, oppure è un compromesso a favore delle prestazioni di scrittura continua più elevate. Qualunque sia la causa, l'ARC 100 è un prodotto a tutto tondo con due piccole tacche: non così buono per l'uso in mobilità e le prestazioni di lettura inferiori. D'altra parte, può vantarsi con le sue prestazioni di scrittura significativamente migliori, per cui supera i modelli entry-level della concorrenza in termini di velocità di scrittura sequenziale e surclassa persino i modelli di prestazioni nei test di stato stazionario e server.

Immagine: OCZ ARC 100 nel test
Confrontiamo i prezzi attuali con gli altri modelli del segmento entry-level:

modello Confronto dei prezzi con geizhals (30.01.2015/XNUMX/XNUMX)
Corsair Force LX 256 GB 118€
Crucial MX100 256 GB 95€
OCZ ARC 100 240 GB 91€
Sandisk Ultra Plus 256 GB 114€
Samsung 840 EVO 250 GB 104€
Samsung 850 EVO 250 GB 113€

Con l'ARC 100, OCZ sfida direttamente l'MX100, combattente di prezzi di Crucial. I punti di forza dell'ARC 100 risiedono nelle sue prestazioni di scrittura molto stabili e nel servizio (in caso di difetto, sostituire preventivamente la denominazione del numero di serie, anche senza fattura). L'MX100, d'altra parte, ha prestazioni di lettura migliori e non fa a meno della compatibilità eDrive e di ulteriori modalità di risparmio energetico. Qui ognuno deve decidere in base alle proprie esigenze. Con i prodotti futuri, OCZ non dovrebbe perdere di vista il fatto che queste caratteristiche sono desiderate anche dai clienti del segmento entry-level. Tutto sommato, l'ARC 100 è una prestazione impressionante in termini di rapporto qualità-prezzo.

[ri], 2 febbraio 2015

A proposito di David Maul

David Maul ha una laurea in informatica aziendale con una passione per l'hardware